Elenco blog personale

venerdì 6 maggio 2022

Inter-Empoli 4-2: Inter in testa alla classifica

L'Inter a caccia del primato provvisorio ospita l'Empoli. Un successo la proietterebbe al primo posto con un punto di vantaggio sul Milan, atteso domenica a Verona. In avanti, Correa con Lautaro.

La cronaca.

Inter subito in svantaggio, colpita dal centravanti dell'Empoli Pinamonti, interista e cresciuto all'Inter. Retroguardia nerazzurra scoperta, Perisic troppo in avanti, Dimarco lento, come Skriniar che si fa anticipare in scivolata. Pessimo inizio di partita. Poi, l'Inter reagisce e si getta all'attacco. Occasione per Lautaro su cross di Perisic. Palla alta. L'Inter prende un altro gol. Segna Asllani, approfittando di una dormita di De Vrij e di un'uscita allegra di Handanovic. Psicodramma in atto. Molta confusione. Dumfries non tira quando dovrebbe. Dimarco invece tira sempre. E male. Brozovic è poco lucido. Correa un fantasma. Autogol di Romagnoli su cross di Dimarco. E forse la partita cambia. Barella più tardi calcia alto. Resta notevole la confusione. L'Inter è disordinata ma arrembante. Arriva anche il pareggio prima dell'intervallo: assist di Calhanoglu e magnifico destro al volo di Lautaro Martinez. Nel secondo tempo, il portiere dell'Empoli si trasforma in un incrocio tra Zamora e Banks. O forse è solo un novello Sorrentino, sempre formidabile contro l'Inter. Para e para. Su Perisic e Barella e ancora. Fino a quando Lautaro scaraventa in rete il pallone del 3-2. Inzaghi cambia. Fuori Lautaro, eroe della partita, Dimarco, Calhanoglu e poi Dumfries, per Dzeko, D'Ambrosio, Vidal e poi Darmian. Chiude Sanchez, subentrato a Correa, sul 4-2. Partita rocambolesca, raddrizzata con voglia. Inter provvisoriamente in testa all classifica, in attesa di Verona-Milan. 

A Visegrad vince Van der Poel. Sua la prima maglia rosa

Prima tappa del Giro d'Italia 2022, in Ungheria, da Budapest a Visegrad, per 195 km. L'arrivo, dopo tanta pianura, sarà in salita. Favorito d'obbligo, l'olandese nipote e e figlio d'arte, Mathieu Van der Poel al debutto nella corsa rosa.  

La cronaca. 

Va via la solita fuga senza speranze, a beneficio di retorica,  puntualmente ripresa a 14 km dal traguardo. Tutto dovrà decidersi lungo la salita finale. Scatta Lawrence Naesen, belga, fratello del più noto Oliver. Lo riprende e sopravanza il tedesco Kamna. Ripreso anche lui. Volata. Girmay balza in testa, ma vince il grande favorito, Mathieu Van der Poel. Sua la prima maglia rosa, che si aggiunge alla maglia gialla da lui conquistata al Tour de France dello scorso anno. Caduta per Caleb Ewan.

Classifica di tappa
1. Van der Poel
2. Girmay s.t.
3. Pello Bilbao s.t.

giovedì 5 maggio 2022

Roma-Leicester 1-0. Mourinho in finale

Un gran gol di testa di Abraham regala alla Roma di Mourinho la finale di Conference League. I giallorossi affronteranno gli olandesi del Feyenoord. Mourinho, le finali che ha giocato, tra Champions League ed Europa League, le ha vinte tutte. Straordinario l'entusiasmo che sa suscitare Mourinho. Il più carismatico allenatore della storia del calcio. Senza se e senza ma. 

mercoledì 4 maggio 2022

Real Madrid - Manchester City 3-1. Real in finale

Ritorno della semifinale di Champions League tra Real Madrid e Manchester City. Il gioco, che stimo sempre sopravvalutato, di Guardiola contro il miedo escenico del Santiago Bernabeu e il pragmatismo, spesso coadiuvato dalla buona sorte, di Ancelotti. E poi tanti grandi giocatori, da Benzema a De Bruyne, in tutte e due le squadre. Si parte dal 4-3 dell'andata in favore degli inglesi. 

La partita si sblocca solo al 73', quando Mahrez sorprende Courtois sul suo palo. Ancelotti cambia e proprio dal subentrato Rodrygo salta fuori una clamorosa doppietta in extremis che manda le due squadre ai supplementari, incendiando di passione il Bernabeu. Poco prima il City era andato vicino al gol due volte con Grealish. Dopo pochi minuti del primo tempo supplementare, Benzema si procura e trasforma il rigore del 3-1. Che più tardi esce per Ceballos. Giganteggia Camavinga. Foden impegna Courtois di testa, Fernandinho non riesce a ribadire in rete. Secondo tempo supplementare. Il risultato non cambia. Guardiola ancora in finale. Real Madrid in finale per la diciassettesima volta. Sfiderà il Liverpool. 

martedì 3 maggio 2022

Villareal-Liverpool 2-3. Liverpool in finale per la decima volta

I favori del pronostico sono tutti per il Liverpool di Klopp, ma il Villareal di Emery, allenatore sempre troppo sottovalutato, proverà a ribaltare questa sera il 2-0 subìto ad Anfield Road, per cercare una storica finale di Champions League. Non penso che succederà. 

Spagnoli subito in vantaggio con Boulaye Dia. A fine primo tempo, Coquelin raddoppia. Nella ripresa, il Liverpool accorcia le distanze con Fabinho. Poi, gli inglesi pareggiano con Diaz. Mané porta il risultato sul 3-2 per i Reds. Nel finale, il Villareal resta in dieci per l'espulsione di Capoue. Il Liverpool vola in finale di Champions League. Per la decima volta nella sua storia gloriosa. 

lunedì 2 maggio 2022

Il punto dopo la 35^ di Serie A: vincono Inter e Milan

Il Milan resta in testa alla classifica, sebbene sia l'Inter ad avere il miglior attacco e la miglior difesa. Tanto hanno contato le due vittorie colte in extremis dai rossoneri, contro la Lazio, errore di Acerbi, ieri contro la Fiorentina, errore di Terracciano. L'Inter, che dal canto suo paga la disfatta di Bologna, espugna il campo dell'Udinese, con la solita sofferenza finale, figlia di una cattiva gestione del doppio vantaggio. Tutto può ancora succedere, ma la strada del Milan sembra più facile. Se la fortuna durerà. 

La Juve, doppietta di Bonucci, supera il Venezia e si assicura la qualificazione alla Champions, come il Napoli che travolge il Sassuolo: la squadra di Spalletti è quella che deve avere i maggiori rimpianti.

La Lazio batte lo Spezia dopo una partita rocambolesca, con un gol Acerbi in fuorigioco, la Roma pareggia con il Bologna. Il Torino, tripletta di Belotti, espugna il campo dell'Empoli, il Verona quello del pericolante Cagliari. Questa sera, l'Atalanta ospita la Salernitana che crede ancora nella salvezza.

domenica 1 maggio 2022

Udinese-Inter 1-2: Perisic, Lautaro

Inter presto in vantaggio con gol di testa di Perisic. Lautaro potrebbe raddoppiare, ma Silvestri para. Poi ancora Lautaro, al 39' calcia sul palo un rigore, segnando di testa sulla respinta (con tocco del portiere). Intervallo. Nella ripresa Inter tranquilla (Dzeko fallisce il 3-0). Fino alla punizione di Deulofeu che Handanovic respinge e che l'Udinese è lesto a spedire in rete. Inzaghi  cambia. Ma il subentrato Correa spreca due facili occasioni, soprattutto quando serve troppo presto Vidal, che finisce in fuorigioco. Così l'Inter deve soffrire fino al recupero. Vince però. Per lo scudetto, che resta difficile, c'è ancora. 

venerdì 29 aprile 2022

Giro d'Italia 1937: il secondo trionfo di Bartali

Il Giro d'Italia del 1937, con partenza e arrivo a Milano, durò diciannove tappe e fu vinto, per la seconda volta consecutiva, da Gino Bartali. Quando non aveva ancora compiuto 23 anni. Il formidabile corridore toscano, che conquistò anche la classifica del miglior scalatore, vinse quattro tappe: la cronometro individuale del Terminillo e poi a Foggia, a Merano e a Gardone Riviera. Nella sedicesima tappa, da Vittorio Veneto a Merano, 227 km, i ciclisti affrontarono per la prima volta la durezza e le infinite suggestioni delle Dolomiti. In classifica generale, Bartali inflisse al secondo, Valetti, un distacco di 8'18", lasciando il terzo, Mollo, a 17'38". Da ricordare i tre successi di tappa di Aldo Bini. Dopo il Giro, Bartali cercò l'impresa di vincere anche il Tour de France. Sarebbe stato il primo, onore invece toccato a Coppi, dodici anni dopo, nel 1949. Fu la sfortuna ad impedire a Bartali la grande accoppiata: cadde dentro un torrente in maglia gialla, durante l'ottava tappa da Grenoble a Briancon. E fu successivamente costretto al ritiro. Al Tour, Gino Bartali, si sarebbe trionfalmente imposto l'anno successivo. Secondo italiano dopo Ottavio Bottecchia, che si era aggiudicato le edizioni 1924 e 1925 della Grande Boucle.




giovedì 28 aprile 2022

Simone Inzaghi deve migliorare

Supercoppa italiana vinta, ottavi di Champions ben giocati contro il Liverpool, finale di Coppa Italia raggiunta e, tutto sommato, sebbene da ieri con minori speranze di successo, ancora in corsa per lo scudetto a quattro giornate dalla fine. Il bilancio di Simone Inzaghi sulla panchina dell'Inter non può considerarsi negativo. E negativo non è. Detto questo, il tecnico nerazzurro deve migliorare. Soprattutto nella gestione della tensione, che finisce per attanagliare la sua squadra e i suoi giocatori nei momenti solenni. Inzaghi può arrivare fino ad un certo punto, perché la personalità, mi riferisco ai giocatori, è come il coraggio manzoniano: se uno non ce l'ha, non se la può dare. Ieri, sui volti degli interisti, su molti di quei volti, si leggeva la paura (Radu, Dimarco) o la malavoglia (Dzeko). Avevo scritto che del Bologna temevo Arnautovic, che stava bene. Era l'unico vero pericolo che portasse il Bologna. Il mismatch con Dimarco è stato clamoroso. Di più, Dimarco, che mi è simpatico, perché nerazzurro autentico, non è proprio un cuor di leone. E forse giocare con la maglia della squadra che ha sempre tifato lo condiziona. Non dimentico il rigore sbagliato nel finale contro l'Atalanta. O l'errore all'andata contro la Lazio. Ha piede mancino raffinato ma non brilla in difesa. E non può tenere un colosso come Arnautovic. A certi livelli, contano i dettagli. Schierare Dimarco è stato un errore. E mi chiedo cosa sia successo all'intervallo. Cosa abbia detto Inzaghi alla squadra. Certe partite si vincono con la testa. E un allenatore deve lavorare sulla testa dei giocatori. Non sempre ci è riuscito in stagione. Le sette partite con solo sette punti raccolti ne sono un esempio emblematico. Non si può sempre vincere con il gioco. E non è obbligatorio giocare sempre con mille passaggi da dietro. Che diventano sempre più rischiosi con l'aumentare della pressione. Certe partite si vincono di forza, di temperamento. E senza il nervosimo, che, per esempio, attraverso da troppo tempo Barella. Se l'Inter non vincerà lo scudetto, sarà una delusione. Non la più grande della nostra storia, ma una delusione. Poiché l'Inter è la squadra più forte di questo campionato. E, in quel caso, Inzaghi avrà una parte di responsabilità.

mercoledì 27 aprile 2022

Giro d'Italia 2022: cronaca, classifica, percorso, favoriti

Giro d'Italia 2022 difficilissimo sulla carta, quello che prenderà il via da Budapest il prossimo 6 maggio. L'arrivo spettacolare, contro il tempo, sarà all'Arena di Verona il 29 maggio. Quella conclusiva sarà la seconda di due crono, per complessivi 26,3 km contro il tempo: poco. Penalizzati i grandi passisti. Sei  le tappe di montagna. Sei gli arrivi in salita. Senza che ci sia coincidenza esatta tra le une e gli altri. Per esempio, la tappa dell'Aprica, di alta montagna, si chiude dopo una discesa di sei km. La prima tappa ungherese, piatta, si chiude con ascesa impegnativa. Favoriti per il successo finale Simon Yates, Landa, Carapaz e gli altri indicati analiticamente nel prosieguo del post. Debutta sulle strade del Giro il vincitore di due Giri delle Fiandre Mathieu Van der Poel, dal quale è lecito attendersi qualche acuto. Per le volate, presenti Cavendish, Demare, Caleb Ewan, Gaviria e il nostro Nizzolo. Ecco il dettaglio delle tappe, intervallate, da tre e non due giorni di riposo a causa della partenza magiara. 

I favoriti (cliccate)

La cronaca in sintesi. 

Si decide tutto lunga la salita finale, nella prima tappa. Successo in volata del favorito Mathieu Van der Poel, che veste la prima maglia rosa. Secondo l'eritreo Girmay, che tutti conoscono dopo lo storico successo al Gand-Wevelgem di quest'anno, terzo Pello Bilbao. Nella seconda frazione, breve cronometro a Budapest, vince Simon Yates con 3" su Van der Poel, che conserva la maglia rosa, e 5" su Tom Dumoulin. La terza tappa a Balatonfüred, lungo il lago Balatan, premia i velocisti e, di più, il loro decano, Mark Cavendish, che batte Demare e Gaviria. Arriva il primo giorno di riposo, per consentire al gruppo di tornare in Italia, in Sicilia. Sull'Etna, cedono Tom Dumoulin e Vincenzo Nibali, appena diventato capitano dopo il ritiro di Miguel Angel Lopez. Arrivano i fuggitivi: successo di Kamna su Perez Lopez, che conquista la maglia rosa. Tra i grandi di classifica, non succede alcunché. La quinta tappa si conclude a Messina con la volata vince del francese Demare, che precede Gaviria e Nizzolo. Vincenzo Nibali annuncia, per la fine della stagione, il suo ritiro dalle corse. La sesta tappa è sonnolenta, animata solo dalla lunga fuga di Diego Rosa. Volata di gruppo: bis di Demare, davanti a Caleb Ewan e Cavendish. Nella settima tappa, da Diamante a Potenza, lungo l'Appennino Lucano, arriva la fuga. Vince l'olandese Bouwman davanti al connazionale Mollema. Terzo Formolo, quarto un Tom Dumoulin in cerca di riscatto. Il gruppo maglia rosa arriva con quasi tre minuti di ritardo. Nell'ottava tappa, da Napoli a Napoli, arriva la fuga. Vince De Gendt. La nona tappa, da Isernia al Blockhaus, terremota la classifica. Da cui esce Simon Yatese, che oltre undici minuti. Vince Hindley davanti a Bardet e Landa. Lopez Perez conserva per poco la maglia rosa. Secondo giorno di riposo. Nella decima tappa da Pescara a Jesi, si celebra la prima affermazione del continente africano al Giro: vince l'eritreo Girmay, già trionfatore alla Gand-Wevelgem, che batte in volata Mathieu Van der Poel. Nell'undicesima tappa, tutta pianeggiante, da Sant'Arcangelo di Romagna a Reggio Emilia, la quarta volata di gruppo di quest'edizione premia finalmente un italiano: Alberto Dainese, che precede Gaviria e Consonni. Nella tappa n. 12, da Parma a Genova, va via una fuga, da cui poi si avvantaggiano Oldani e Rota: vince Oldani. Kelderman, sesto di giornata, risale al tredicesimo posto della classifica generale. Il gruppo della maglia rosa Lopez Perez se la prende comoda e arriva con oltre 9' di ritardo. Nella quattordicesima tappa, da Santena a Cogne, sono due salite di seconda categoria, ripetute due volte, a fare la differenza. Attacco decisivo di Carapaz, seguito da Hindley e poi da Nibali. Su di loro torna e poi li stacca, Simon Yates, al bis in questo Giro. Lopez Perez accusa un forte ritardo e Carapaz è la nuova maglia rosa. Nella quindicesima tappa, da Rivarolo Canavese a Cogne, grande assolo del redivivo Giulio Ciccone. Sostanzialmente immutata la classifica generale.

Il percorso. Si può cliccare sulle singole tappe


La classifica dopo la 15^ tappa. 
1. Richard Carapaz (ECU) a 12"
2. Jai Hindley (AUS) a 20"
3. Joao Almeida (POR) a 32"
4. Mikel Landa (SPA) a 1'01"
5. Domenico Pozzovivo (ITA) a 1'03"


Bologna-Inter 2-1: erroraccio di Radu

Finalmente, era inizialmente programmata il 6 gennaio, si gioca Bologna-Inter. I nerazzurri, vincendo, sorpasserebbero il Milan in testa alla classifica. Ma, il Bologna è una discreta squadra, con un centravanti forte, Arnautovic, e una classifica tranquilla. Gioca Dimarco per Bastoni, davanti spazio a Correa al fianco di Lautaro. Handanovic si ferma: gioca Radu.

La cronaca.

Grandissimo gol di Perisic, per una volta sulla fascia destra. Tunnel e tiro, tutto di sinistro. Palla all'incrocio alla sinistra del portiere. L'Inter potrebbe raddoppiare, ma spreca. Soprattutto per varie indecisioni di Dumfries che non crossa quando dovrebbe. Pareggia Arnautovic con un gran colpo di testa. Il risultato non cambia e si va al riposo. Nella ripresa, subito occasioni che Dimarco costruisce e sperpera. Inzaghi esita. Ma tanti sono giù di corda. Da Barella a Calhanoglu a Dumfries. Tutti prima ammoniti poi sostituiti. Il gol per l'Inter non arriva, nemmeno con Dzeko, voto 3, e Sanchez, che subentrano per affiancare Lautaro in uno sconclusionato 4-3-3. Semmai Sanchez avrebbe dovuto agire sulla trequarti. Cosa che fa solo nel recupero. Dopo che l'assurdo errore di Radu (liscio clamoroso), novello Gresko, aveva propiziato il gol di Sansone e una sconfitta che può costare lo scudetto all'Inter. Delusione cocentissima. Mi consolo pensando che oggi non era l'ultima giornata. No, non è il 2002. Restano quattro partite. Ora il pronostico è tutto sulle spalle del Milan che ha 2, anzi 3 punti di vantaggio (visto il bilancio degli scontri diretti). E però il Milan è una squadra in fondo modesta. Chissà! La tensione e la gestione di questa farà la differenza. Non è ancora finita. È più difficile. Tanto di più. Ma, l'Inter è per tradizione capace di tutto. Ripensandoci, mando un incoraggiamento a Radu. Ha sbagliato, ma da tempo non ha abitudine alla gara. Forza Radu. E forza Inter!

martedì 26 aprile 2022

Manchester City - Real Madrid 4-3. Benzema!

Prima semifinale d'andata della Champions League 21/22: il Real Madrid di Ancelotti rende visita al Manchester City di Guardiola. Sfida che si annuncia brillante e che resta aperta a ogni pronostico. Ma, se dovessi scommettere due lire, al netto di come andrà stasera, penso che il turno lo passerà il Real. Vediamo. 

La cronaca. 

Subito in vantaggio il City con De Bruyne che raccoglie di testa un cross delizioso di Marhez. Approfittando di un pasticcio di Alaba, raddoppia Gabriel Jesus. La partita pare segnata. E la qualificazione anche. Ma al 33' accorcia Benzema per il Real: 13 gol in Champions come Lewandowski. Nella ripresa, allunga il City con Foden, ma dopo due minuti i madrileni replicano con Vinicius. Al 74', Bernardo Silva trova il 4-2. Benzema, cucchiaio su rigore, fissa il punteggio sul 4-3: 14 gol in questa Champions, scavalcato Lewandowski. La qualificazione si deciderà al ritorno al Bernabeu. Vedo sempre il Real favorito.

Il punto dopo la 34^ di serie A: serrata lotta per lo scudetto

Continuna la sfida scudetto tra Inter e Milan. I nerazzurri battono agevolmente la Roma di Mourinho, accolto con grande affetto nello stadio dei suoi trionfi. La squadra di Inzaghi ha ritrovato fiducia e la miglior condizione di molti dei suoi, a cominciare da Lautaro. Il Milan ha battuto in rimonta la Lazio, dopo una partita che i biancocelesti hanno giocato davvero male nel secondo tempo. E con poco, pochissimo, mordente. Mi è parso poi irregolare il gol di Tonali, ma tant'è. Lo scudetto si assegnerà, ho sempre pensato, nell'ultima giornata.

Il Napoli (Spalletti si piazza ma non vince) getta via il successo a Empoli e perde 3-2, grazie anche alla doppietta di un centravanti vero come Pinamonti: 12 gol stagionali per lui e nessuna ragione per preferigli Scamacca. La Juve batte di misura il Sassuolo: gioca male ma vince e la qualificazione Champions, ormai, non può sfuggirle.

Importante, in chiave salvezza, il successo interno della Salernitana sulla Fiorentina: decide Federico Bonazzoli, che, ripeto da anni, è un talento vero. Il Genoa batte il Cagliari, l'Atalanta espugna il campo del Venezia. Pareggi tra Verona e Sampdoria e tra Bologna e Udinese.

lunedì 25 aprile 2022

Giro d'Italia 2022: i favoriti

Simon Yates, già terzo al Giro e vincitore di una Vuelta, e Richard Carapaz, che nella corsa della Gazzetta trionfò nel 2019, sono i principali candidati al successo al Giro d'Italia 2022. Subito dietro di loro, Mikel Landa e Romain Bardet, fresco vincitore del Tour of the Alps. Sono curioso di vedere cosa farà Tom Dumoulin. Ecco il borsino dei favoriti.  

  1. Simon Yates ****
  2. Carapaz ****
  3. Landa ***
  4. Bardet ***
  5. Pello Bilbao ***
  6. Joao Almeida ***
  7. Kelderman ***
  8. Tom Dumoulin **
  9. Guillaume Martin **
  10. Pidcock **
  11. Geoghegan Hart **
  12. Esteban Chaves **
  13. Porte *
  14. Hugh John Carty *
  15. Hindley *

domenica 24 aprile 2022

Liegi-Bastogne-Liegi: trionfa Evenepoel

Liegi-Bastogne-Liegi 2022, senza Roglic e Pogacar. Una brutta caduta a 62 km dal traguardo coinvolge molti dei favoriti e costringe al ritiro Alaphilippe. Sulla Redoute, a circa 30 km dall'arrivo, scatto alla Saronni di Evenepoel, che fa rapidamente il vuoto, raggiunge e poi distanzia gli ultimi fuggitivi di giornata e conquista la sua prima classica monumento. Campione straordinario. Rallentato solo dal terribile incidente che ebbe al Giro di Lombardia 2020. Il Belgio ha il suo nuovo eroe. Predestinato. A completare il podio della Liege-Bastogne-Liege altri due belgi: Hermans, secondo, e Van Aert, terzo. 

sabato 23 aprile 2022

Inter-Roma 3-1: Dumfries, Calhanoglu, Lautaro

Bella vittoria, maturata tra la seconda metà del primo tempo e l'inizio della ripresa. L'Inter passa in vantaggio con Dumfries; replica con un gran gol di Brozovic, che si destreggia in area di rigore e trova l'incrocio sul palo opposto; triplica, con un gran colpo di testa, Lautaro Martinez, che sale a 16 gol in campionato, 20 nella stagione. Nel finale, Mkhitaryan accorcia le distanze. L'Inter vince 3-1 e conferma il ritrovato stato di forma. Grande prova non solo di Brozovic ma anche di Calhanoglu, sia in fase d'interdizione che in fase di costruzione. 

venerdì 22 aprile 2022

Tour of the Alps: torna al successo Thibaut Pinot

C'era andato vicino ieri, superato nel finale da Miguel Angel Lopez, c'è riuscito oggi, interrompendo un digiuno dai successi che durava dal trionfo sul Tourmalet al Tour de France 2019: Thibaut Pinot torna alla vittoria e lo fa sul traguardo della tappa conclusiva del Tour of the Alps 2022, da Lienz a Lienz, battendo il compagno di fuga, lo spagnolo De La Cruz. Notizia bellissima per il ciclismo. Per il resto, è un altro francese, grande rivale di Pinot, a conquistare la classifica generale: Romain Bardet.

mercoledì 20 aprile 2022

Liegi-Bastogne-Liegi 2022: i favoriti

Ecco il borsino dei favoriti per la Liegi-Bastogne-Liegi 2022. Alaphilippe cercherà di riscattare con il primo successo alla Doyenne, la quarta piazza nella sua Freccia Vallone.

  1. Alaphilippe *****
  2. Pogacar ****
  3. Van Aert ***
  4. Mohoric ***
  5. Fuglsang ***
  6. Valverde ***
  7. Bardet **
  8. Evenepoel **
  9. Pidcock **
  10. Gaudu **
  11. Woods **
  12. Mollema **
  13. Gilbert *
  14. Barguil *
  15. Guillaume Martin *

Freccia Vallone 2022: Teuns batte Valverde

La notizia, fino ad un certo punto, poiché si sapeva che stesse bene, è che Valverde abbia sfiorato il sesto successo alla Freccia Vallone della sua straordinaria carriera: alla soglia dei 42 anni! Il campione ha spagnolo ha dovuto accontentarsi del secondo posto dietro il belga Dylan Teuns, già vincitore di due tappe al Tour de France e non molto altro. Il grande favorito, Alaphilippe, ha dovuto accontentarsi del quarto posto, dietro il russo Vlasov. Il campione del mondo proverà a riscattarsi nella Liegi-Bastogne-Liegi in programma domenica prossima, che chiuderà la stagione delle classiche del nord. 

martedì 19 aprile 2022

Inter-Milan 3-0: Lautaro (2), Gosens. Inter in finale di Coppa Italia

Semifinale di ritorno della Coppa Italia tra Inter e Milan, dopo lo 0-0 dell'andata. L'Inter parte con la coppia d'attacco formata da Lautaro e Correa. A destra gioca Darmian in luogo di Dumfries. 

La cronaca.

Inter in vantaggio con Lautaro, con un gol alla sua maniera, anticipo al volo di destro sul primo palo, raccogliendo un cross di Darmian: rete splendida. Il Milan si rende pericoloso con Leao e Bennacer, ma Handanovic para. Poi, Perisic salva sulla linea. In contropiede, l'Inter raddoppia con Lautaro, che supera Maignan con tocco raffinato. Prova superba quella dell'argentino. Intervallo. Nella ripresa il Milan cerca di accorciare le distanze. Sembra riuscirci con Bennacer, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Escono Lautaro e Correa per Dzeko e Sanchez. Sostituiti anche Bastoni, infortunato, e Perisic per D'Ambrosio e Gosens, che subito dopo chiude i conti su cross di Brozovic. Inter brava, anche a soffrire nei momenti meno facili della gara. Vittoria netta e finale di Coppa Italia raggiunta.