martedì 27 ottobre 2020

Shakhtar Donetsk - Inter: 0-0

Seconda partita del girone della Champions League 2020/21, gruppo B: l'Inter affronta gli ucraini dello Shakhtar Donetsk. Battuti agevolmente in estate, in Europa League. Vediamo cosa succederà stasera. 

Inter: Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Brozovic, Vidal, Young, Barella; Lukaku, Lautaro.

Eriksen, pertanto, parte dalla panchina. Conte insiste su Barella trequartista assaltatore. A sinistra, ritorna Young. Predominio territoriale nerazzurro. Ma predominio sterile. Molto impreciso Lautaro che sbaglia un gol clamoroso a metà ripresa. Lukaku è altrettanto impreciso nelle sponde e mostra quei limiti di gioco, che in serie A si notano meno. Lo Shakhtar ha giocatori tecnici e veloci, che affondano spesso con facilità. L'Inter perde altri due punti. Eriksen  entrato tardi resta un corpo estraneo. Ciò che più colpisce è che la regia sia di fatto affidata al mancino di Bastoni. Va da sé che ne venga fuori niente. L'ho già scritto che Conte non è allenatore da Coppe? Mi pare di sì.

A Villanueva de Valdegovia vince Woods

L'embatido, Alejandro Valverde, cerca il suo quattordicesimo successo sulle strade della grande corsa a tappe che più ama e più gli ha dato soddisfazione. Ma, oggi, a Villaneuva de Valdegovia, traguardo della settima tappa della Vuelta a Espana 2020, invece lo battono: Woods, che vince la tappa, e Fraile, suoi compagni di fuga. Risale all'ottavo posto in classifica, Valverde. Intramontabile. 

lunedì 26 ottobre 2020

Serie A 2020/21: il punto dopo la 5^ giornata

L'Atalanta sembrava potesse davvero lottare per lo scudetto. Ma, non sarà così. Credo che punti a superare il girone di Champions League e, da qui ai primi di dicembre, perderà altri punti in campionato. La sconfitta netta contro la Samp, dopo quella con il Napoli è emblematica.

Il Napoli fatica a battere il Benevento, ma lo batte. Grande gol di Lorenzo Insigne che replica a quello del fratello Roberto. Gli azzurri di Gattuso sono forse i veri favoriti per il titolo. Rosa profonda e di qualità.

L'Inter batte il Genoa non senza difficoltà. La Lazio di un grande Luis Alberto supera il Bologna 2-1.

Stenta ancora la Juve di Pirlo. Come ho sempre sostenuto, la Juve è in declino da almeno un anno e mezzo. Declino che Cristiano Ronaldo ha coperto e rallentato. I bianconeri, fermati sul pari in casa dal Verona, hanno qualità solo davanti.

Vince anche il Cagliari contro il Crotone e la Fiorentina di Castrovilli, doppietta per lui contro l'Udinese. Stasera, il Milan capolista ospita la Roma. Non ci sarà Donnarumma, positivo al Covid.




Vuelta 2020: a Sallent de Gallego vince Izaguirre. Carapaz nuova maglia rossa

Niente Tourmalet. Non si può sconfinare in Francia a causa del Covid. Così, la sesta tappa della Vuelta a Espana 2020 arriva Sallent de Gallego. Vince Izaguirre, mentre Roglic, che va forte da due mesi, sconta la prima piccola crisi e perde la maglia rossa in favore dell'ecuadoriano Richard Carapaz.

Le pagelle del Giro d'Italia 2020: da Hart a Nibali, da Ganna a Hindley

Si è concluso - e non era detto che accadesse - il Giro d'Italia 2020. Ha vinto il britannico, meglio ancora l'inglese, più nel dettaglio il londinese Geoghegan Hart. Ecco le pagelle dell'edizione n. 103 della corsa rosa.

  • Geoghegan Hart: voto 10. Secondo britannico dopo Froome a conquistare il Giro, vince anche due tappe, va forte in salita e contro il tempo e, partito per scortare Geraint Thomas, s'improvvisa capitano e vincente. Ha 25 anni e una gran carriera davanti a sé.
  • Hindley: voto 8,5. Non basta partire con la maglia rosa nell'ultima tappa, per difendere il primato. Però l'australiano è forte e completo. Ha 24 anni. Fa parte anche lui della Nouvelle Vague del ciclismo lanciata da questo Giro.
  • Joao Almeida: voto 9. Il più giovane, 22 anni, della ridetta Nouvelle Vague. Il portoghese guida a lungo la classifica. Sembra un piccolo Saronni, solo non così veloce. Ma veloce è, tiene le salite, meno quelle lunghe, è forte a cronometro. E ha grande personalità in corsa.
  • Vincenzo Nibali: voto 6,5. Ci vuole stoffa per arrivare comunque tra i primi 10 della generale in un Grande Giro. Sta per compiere 36 anni: il suo settimo posto merita più applausi che critiche. 
  • Arnaud Demare: voto 8,5. Vince quattro volate, dominandole. Lo sprinter francese, uno che fa bene anche nelle classiche, ha raggiunto la maturità agonistica.
  • Diego Ulissi: voto 8. Due successi in questo Giro, otto totali al Giro in carriera. Corridore completo, gli manca qualche affermazione internazionale, che non sia in brevi corse a tappe minori, per il definitivo salto di qualità.
  • Wilco Kelderman: voto 7. Si tratta di un piazzato e non di un vincente. Tuttavia, il terzo posto al Giro è il migliore fra i 5 piazzamenti tra i primi 10 della generale in carriera. Ha 29 anni, l'olandese. Il suo l'ha fatto.
  • Filippo Ganna: voto 9,5. Subito dopo il vincitore del Giro, Ganna domina le tre cronometro, vince anche con fuga sulla Sila. Quattro vittorie e la sensazione di una superiorità, almeno contro il tempo, degna dei grandissimi del passato. Una locomotiva, come Learco Guerra. Che, alla fine, un Giro lo vinse.

domenica 25 ottobre 2020

Geoghegan Hart vince il Giro 2020, Ganna la cronometro di Milano

Ventunesima ed ultima tappa del Giro d'Italia 2020, da Cernusco sul Naviglio a Milano. Tutta pianura per 15,7 km. Hindley e Hart sono appaiati: solo pochi centesimi tengono la maglia rosa addosso ad Hindley. Geoghegan Hart va più forte sul passo e contro il tempo.  È lui, a questo punto, il favorito per il successo finale. Quanto alla vittoria di tappa, mi chiedo se Filippo Ganna farà poker o se Dennis, brillante anche in salita negli ultimi due giorni, saprà prendersi una rivincita.

Ganna vola in 17'16", a quasi 60km/h. Tre cronometro su tre vinte al Giro, quattro tappe in totale. La maglia rosa finale all'inglese Geoghegan Hart, che la strappa all'australiano Hindley: con 39" di vantaggio ottenuti nella tappa odierna. Hart è il secondo britannico a conquistare il Giro dopo Froome nel 2018. Ricapitolando: Hart primo, Hindley secondo a 39", Kelderman terzo a 1'29". Almeida scavalca Pello Bilbao al quarto posto. Fuglsang sesto, Nibali chiude al settimo posto. Registro che negli ultimi nove anni, dal 2012, su 26 Grandi Giri disputati - la Vuelta è ancora in corso - ci sono stati 11 successi britannici: 7 di Froome (4 Tour, 1 Giro, 2 Vuelta), 1 di Wiggins (1 Tour), 1 di Geraint Thomas (1 Tour), 1 di Simon Yates (1 Vuelta), 1 di Geoghegan Hart (1 Giro). Tanti.

sabato 24 ottobre 2020

Genoa-Inter: 0-2. Lukaku, D'Ambrosio

Hakimi va in panchina. Sulle fasce Darmian e Perisic. Confermato Eriksen. Primo tempo noioso. Più vivace la ripresa. È l'ingresso di Barella a scuotere l'Inter: un suo assist libera Lukaku che dribbla di destro e segna di sinistro. Poi raddoppia D'Ambrosio di testa dopo torre di Ranocchia. Vittoria convincente. L'Inter però dà il meglio quando ha più campo aperto. Il suo gioco diventa fluido contro squadre lunghe o allungate. Diversamente, ci sono difficoltà a trovare la via del gol. 

A Sabinanigo vince Tim Wellens

Va a Tim Wellens la vittoria della quinta tappa della Vuelta a Espanã 2020. Il gruppo attardato è regolato da Roglic in maglia rossa a caccia di secondi.

Sestriere: vince Geoghegan Hart, Hindley in rosa

Vince la volata a due sul Sestriere il britannico Geoghegan Hart, davanti ad Hindley. Ora hanno lo stesso tempo, con Hindley in maglia rosa per questione di centesimi. Sarà la cronometro di domani ad assegnare il Giro d'Italia 2020. E Hart, contro il tempo, va più forte di Hindley. Kelderman ha perso oltre un minuto e mezzo oggi scendendo al terzo posto in classifica. Ha tenuto anche Almeida, ora quinto ma domani potrebbe scalare almeno una posizione. Nibali, undicesimo di tappa, è settimo nella generale. Ricambio generazionale avvenuto ed irreversibile.

venerdì 23 ottobre 2020

A Ejea De Los Caballeros vince Sam Bennet

Parla di nuovo irlandese la Vuelta a Espana 2020. Dopo il successo di ieri di Daniel Martin, oggi è stato Sam Bennet ad imporsi ad Ejea De Los Caballeros, traguardo della quarta tappa. Arrivo in volata. Non succederà molte altre volte. 

La pioggia sul Giro: ad Asti vince Cerny

Diciannovesima tappa del Giro d'Italia 2020 da Morbegno ad Asti: 258 km di pianura. Ultima occasione per i velocisti del gruppo. 

*Pioggia battente e freddo pungente. Protestano corridori e direttori sportivi. Andatura da passeggiata domenicale per una decina di km, poi i corridori si fermano e salgono sugli autobus delle rispettive squadre. La tappa viene accorciata. Dovrebbe partire da Como alle 12:30, abbreviata di circa 80 km.

* Clima ancora ostile alla corsa. Ora si pensa di far partire la tappa da Vigevano alle 14:00.

* Cambia ancora il programma. Vigevano dovrebbe restare come traguardo volante e la tappa partire da Abbiategrasso, verso le 13.30 o le 13:45.

Il gruppo sceglie, per un giorno, di mutare il Giro d'Italia in Gita d'Italia: va via una fuga, perché nessuno, a parte i fuggitivi, ha voglia di far fatica, nemmeno per 130 km, distanza da dilettanti, in pianura. Piove, è vero, fa discretamente freddo, anche. Ma, lo spettacolo non è bello. E i corridori non fanno una gran figura. Il loro è stato un mezzo ammutinamento. Però, al posto degli organizzatori, avrei, d'iniziativa, già prima di oggi, abbreviato la tappa, non di 120, come poi è stato, ma di una cinquantina di km sì. Tornando alla corsa, tra gli attaccanti di giornata, si avvantaggia Josef Cerny e vince.

Gli 80 anni di Pelé (Edson Arantes do Nascimento)

Per spiegare la dimensione planetaria del fenomeno Pelé, Edson Arantes do Nascimento in arte Pelé, nato il 23 ottobre del 1940, mi servirò di un piccolo episodio dei tempi di scuola. Frequentavo, la terza, o la quarta?, elementare e sul sussidiario m'imbattei in una pagina che raccontava, con parecchia enfasi, il millesimo gol di Pelé, segnato in Brasile nel 1969. Un calcio di rigore trasformato con sapienza, l'attesa dei tifosi, la pacifica invasione del campo. Stava già sul sussidiario, Pelé, quello unico delle elementari dei primi anni '80. Era, credo di ricordare, il 1983. Pelé aveva smesso di giocare da sei anni, aveva solo 43 anni e già compariva sui libri di scuola. Già aveva scavalcato il recinto dello sport, per insediarsi nell'immaginario collettivo. In realtà, Pelé era diventato subito leggenda, dai mondiali svedesi del 1958, quando con sei gol, alcuni meravigliosi, contribuì, non ancora diciottenne, alla conquista del primo mondiale per i brasiliani. Quale straordinario giocatore fosse, credo che qualunque appassionato di calcio abbia potuto leggerlo ed anche vederlo nelle immagini di repertorio sgranate dal tempo. Prodigio di coordinazione, forte, veloce, rapido, ambidestro, tecnico, fantasioso. Eccellente in tutti, e dico tutti, i fondamentali del gioco. Se il numero 10 divenne un simbolo del gioco del calcio fu perché era il suo: prima tutti i ragazzi desideravano il 9 del centravanti. Tre mondiali vinti, come mai nessuno prima e dopo di lui. Icona degli anni '60, anche se il vertice del rendimento e della maturità tattica ed agonistica lo raggiunse a Messico 1970, annettendosi il terzo mondiale dentro il contesto di una squadra illogica - 5 numeri 10 assieme, ma il 10, va da sé, sulle spalle - ed irripetibile. Il secondo, quello del 1962 in Cile, il Brasile l'aveva invece conquistato quasi senza di lui, presto infortunato e sostituito da Amarildo. Non lo considero il migliore della storia, Pelé, solo perché poi venne Maradona.

giovedì 22 ottobre 2020

La Laguna Negra: vince Dan Martin

Lodosa - La Laguna Negra, terza tappa della Vuelta a Espana 2020. Vittoria di Daniel Martin su Roglic e Carapaz: non a caso anche i primi tre della classifica generale. Ora la maglia rossa Roglic ha soli 5" di vantaggio sullo stesso Daniel Martin. 

Antonio Conte e lo schema unico: palla a Lukaku

  • La vicenda di Antonio Conte al secondo anno di Inter mi ricorda, mutatis mutandis, il Serenissimo generale Kutuzov, l'eroe russo che fermò l'avanzata orientale di Napoleone Bonaparte. Tolstoj, in Guerra e Pace, ce lo descrive come contrario alle grandi alchimie tattiche, avendo un solo faro: il morale delle truppe. Da quello, a suo dire, a dire di Kutuzov secondo Tolstoj, dipendeva l'esito di una battaglia. E alla fine di una guerra. E si poteva anche perdere sul campo una battaglia, con la certezza di vincere infine la guerra. L'importante era che l'esercito uscisse, anche da una sconfitta, con l'idea di aver vinto. O di poter vincere. Ecco, il morale delle truppe nerazzurre, come quello del suo generale, appare basso. E questo non fa ben sperare in vista degli esiti stagionali.
  • E gli schemi di Conte? Non ha le stesse idee di Kutuzov, vista l'aria sconsolata con la quale si presenta davanti alle telecamere e considerate le dichiarazioni zuppe di rassegnazione, che regala alla stampa. Non ritiene, viene da pensare, che il suo atteggiamento dimesso possa incidere le certezze, poche, di una squadra mal messa in campo e priva di una vera leadership di gioco. Allora, i suoi schemi? Ne ha uno solo, per la verità. E non è psicologico. Palla a Lukaku. Almeno Mancini, nella prima esperienza all'Inter, oltre a giocatori più forti, ne aveva due: palla a Ibra, palla a Maicon. Per il resto, poco o niente. E Lukaku, che ha tecnica dozzinale, tiene sì la palla addosso, ma poi la smista spesso con approssimazione. Palla a Lukaku, sovrapposizioni degli esterni, pressing alto. Poco, mi pare. Ora, se nel mezzo di tanta pochezza tattica, nell'assenza di soluzioni alternative, si fa strada anche la sfiducia, con la testa bassa e lo scoramento, è difficile che si possa fare molta strada. 

Ai Laghi di Cancano: vince Hindley. Kelderman muova maglia rosa

Riuscirà almeno una salita leggendaria, come lo Stelvio, naturale Cima Coppi, lunga, stressante, sopra i 2.000 m, dove osano le aquile o qualcosa del genere a ravvivare una corsa che langue? Riuscirà, almeno lo Stelvio, a ridestare dal torpore un gruppo apparso stanco e provato negli ultimi giorni? Oggi, diciottesima tappa del Giro d'Italia 2020, da Pinzolo ai Laghi di Cancano, 207 km. Penultima occasione per gli avversari di Almeida di togliergli la maglia rosa, prima della cronometro finale di domenica, che favorisce, sulla carta, il portoghese. 

Ci voleva lo Stelvio, per far saltare il banco, allora. Almeida detronizzato, ma si è battuto come un leone e ne sentiremo parlare a lungo nei prossimi anni. Nibali cede all'anagrafe e alla statistica e perde quasi 5 minuti dal vincitore di giornata  Hindley. Mentre la maglia rosa finisce sulle spalle dell'olandese Kelderman. Vincerà a Milano uno di loro o l'inglese Geoghegan Hart. Ora terzo nella generale. Distacchi di secondi. Domani tireranno il fiato. Prima delle tre volte sul Sestriere, sabato, e della cronometro finale, domenica. Ammainata la bandiera di Nibali, cosa resterà all'Italia nelle corse a tappe?

Bilancio sulle squadre italiane in Champions

  • Hanno vinto Juve, Lazio e Atalanta in Champions League. E se Juve ed Atalanta avevano, tutto sommato, impegni facili, la Lazio affrontava il Borussia Dortmund, squadra solida, nella quale giocano campioni affermati, come Hummels, in rampa di lancio, come Sancho, o predestinati, come Haaland: fortissimo. Ed è vero che i tedeschi hanno giocato peggio del solito, ma la Lazio ha vinto con merito, grazie al suo centrocampo di primissimo ordine. Chi può schierare, assieme, Luis Alberto, Milinkovic-Savic e Leiva, oltre a Correa, che è punta solo nominale? Sono anche loro il segreto dei tanti gol che segna Immobile.
  • Nella Juve, Morata si conferma attaccante da Coppe, ma non so quanto potrà adattarsi al rientro di Cristiano Ronaldo.
  • L'Atalanta ha tanti giocatori importanti, ormai, ben scelti e ricchi di talento. Ci fosse stato il Pallone d'Oro nel 2020, il Papu Gomez avrebbe meritato una candidatura. Giocatore superiore, per testa e classe.
  • L'Inter ha pareggiato a fatica: si potrebbe a lungo discutere di temi tattici e di defezioni a causa del Covid. Credo, però, che il problema sia un altro: Conte è rimasto controvoglia in estate. Lo sa lui e lo sa la squadra. E si vede. 

mercoledì 21 ottobre 2020

Inter-Borussia Monchengladbach: 2-2

Stasera, ore 21:00, stadio Meazza in San Siro, Milano, esordio stagionale dell'Inter in Champions League, contro i coriacei tedeschi del Borussia Monchengladbach. Dovrebbe toccare ad Eriksen partire da titolare. Conte permettendo. 

Hakimi positivo al Covid! La notizia arriva intorno alle 17:00. Assenza pesante per l'Inter, che si somma a tutte le altre. 

La cronaca.
Sorvolo su un primo tempo noioso, ribadendo solo che Sanchez è un ex giocatore. Gli subentra Lautaro nella ripresa. Al 49' segna Lukaku che si avventa su una respinta in area tedesca. L'Inter ha spazio a destra, ma Darmian sbaglia sempre scelta. Poi, il solito errore dietro. Entrata scomposta di Vidal e rigore per i tedeschi. Gol e 1-1. Poi arriva anche il vantaggio tedesco su dormita congiunta di Vidal e Kolarov. Pareggio di Lukaku su angolo di Kolarov. Partita stranissima. Ma l'Inter più che guadagnare un punto ne ha persi due. Conte nelle Coppe è sempre andato così. Che errore averlo ingaggiato! Squadra lunga, reparti scollegati, insistenza su giocatori a fine corsa: Vidal, Kolarov, Sanchez e Handanovic. Un tempo un portiere mediocre. Ormai, un ex portiere mediocre.

Vuelta 2020: a Lekunberri vince Marc Soler

Seconda tappa della Vuelta a Espana 2020, tutta in Navarra, da Pamplona a Lekunberri, per 151,6 km. Frazione vallonata, perché alla Vuelta non c'è mai tregua. Il Gpm di prima categoria, l'Alto de San Miguel de Aralar, sarà scollinato a diciassette chilometri dal traguardo. 

La cronaca.

Tappa dura anche oggi. Restano in 10 davanti nella salita finale. Non Tom Dumoulin, davvero in condizioni precarie di forma. Men che meno Froome. La Movistar cerca di scortare il quarantenne Valverde verso l'ennesima vittoria. In discesa attacca Marc Soler. Che tiene e vince.

A Madonna di Campiglio: vince O'Connor. Per il resto, molta noia

Diciassettesima tappa del Giro d'Italia 2020, da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio. Riparte l'assalto alla maglia rosa del portoghese Almeida, che deve difendere 17" di vantaggio su Kelderman e molto di più sugli più immediati inseguitori. Con tre Gpm di prima categoria: Forcella Valbona, Monte Bondone - ascesa resa mitica dalla tappa da tregenda vinta Gaul nel Giro del 1956 - e quella finale a Madonna di Campiglio: 203 km. Molti aspettano la crisi secca di Almeida, preannunciata domenica e smentita ieri. Se Nibali avesse le gambe giuste, oggi, dovrebbe provare ad attaccare già sul Monte Bondone.

La cronaca.

Va via la fuga. Il che significa già tanto. Vince l'australiano O'Connor, che riscatta il secondo posto di ieri. Nessuno dà battaglia alla maglia rosa di Almeida, che arriva fresco e relativamente riposato a Madonna di Campiglio. Una tappa sprecata dai suoi rivali. I quali, però, occorre pensare, forse non avevano le gambe per attaccare. E la preoccupazione di difendere o migliorare i piazzamenti ha pesato. Non darei troppa importanza alla querelle interna alla Sunweb. Sì, Hindley ha fatto uno scatto e ha chiuso Kelderman. Ma, nessuno dei due ne aveva abbastanza, secondo me, per staccare davvero il portoghese. Poi, qualche gelosia fa parte della storia del ciclismo.