Post in evidenza

Giro d'Italia 2020: il percorso. Quasi 60 km a cronometro

Giro d'Italia 2020 🚲, 9-31 maggio 2020. Mi piace il nuovo percorso del Giro d'Italia 2020 . Mi pare più equilibrato che negli ann...

giovedì 20 febbraio 2020

Ludogorets-Inter 0-2: Eriksen, Lukaku

Ci vogliono 2/3 di partita perché l'Inter sblocchi il risultato contro il Ludogorets, la Juve di Bulgaria. Serve il primo gol nerazzurro, bel tiro piazzato dal limite dell'area, di Eriksen. Raddoppia, allo scadere, Lukaku su rigore. Tutto sommato, va bene così. Dimenticavo: davvero brutta la prova di Lautaro Martinez.

Atalanta-Valencia 4-1. Il Papu Gomez è un asso

L'Atalanta di Gasperini ha ipotecato, ieri sera, al Meazza, il passaggio ai quarti di Champions League. Il Valencia, peraltro solo settimo nella Liga, non ha saputo resistere alla pressione a tutto campo dei bergamaschi. Che, notoriamente, giocano un mucchio di uno contro uno, corrono di più e vincono più contrasti. E, correndo, ogni atalantino ha, grazie al movimento dei compagni, almeno due soluzioni di passaggio. Un'Atalanta in condizione è un avversario scomodo per chiunque. Ieri, si diceva, l'Atalanta ha strapazzato il Valencia 4-1, con doppietta di Hateboer, Freuler e Ilicic. Dovendo indicare un giocatore decisivo, farei il nome del Papu Gomez, che ha sfiorato soltanto la nazionale argentina, vista la colossale concorrenza generazionale, ma possiede qualità che gli permetterebbero di giocare anche in una grande tradizionale. Le sue rifiniture sono sempre pregevolissime. Come sul primo gol di Hateboer.

martedì 18 febbraio 2020

Borussia Dortmund-Psg 2-1, Atletico Madrid-Liverpool 1-0

Riparte la Champions League. Stasera, sfida interessantissima tra Borussia Dortmund, qualificatasi agli ottavi a spese dell'Inter di Conte, innervata dal talento realizzativo del norvegese Haaland, un predestinato, e il Psg, che da anni domina in Francia, ma non riesce a consacrarsi in Europa. L'altra sfida opporrà l'Atletico Madrid di Simeone al Liverpool, dominatore in Premier League, di Klopp.
Risultati sorprendenti. Almeno in parte. L'Atletico passa prestissimo in vantaggio con Saul e difende il gol fino alla fine, in perfetto stile Simeone, complice anche la giornata storta di Salah e Manè. A Dortmund, lo straordinario centravanti norvegese Haaland, non ancora ventenne, segna una doppietta che vale il successo per i tedeschi. Per il Psg, gol di Neymar. Punita la scelta di Tuchel di tener fuori Icardi. La sua squadra ha una pessima fase difensiva e nessuno schema offensivo. Tolto quello, di cui però sarebbe capace chiunque, di palla a Mbappé. O a Neymar. 

Se ne va Harry Gregg, stella del Manchester United. Salvò Bobby Charlton nel disastro aereo di Monaco

Nella seconda metà degli anni '50, una squadra in Inghilterra svetta sulle altre: due titoli nazionali nel 1956 e nel 1957. Si tratta del Manchester United di Busby, capitanata dal giovane e fenomenale mediano Duncan Edwards, che spaventa gli avversari solo a farsi vedere, per via del suo tackle micidiale. Prende sempre il pallone, ma gli avversari volano via comunque. Il Manchester United viene considerato, all'inizio del 1958, il rivale più accreditato del Real Madrid sulla via della leggenda, per la conquista della terza Coppa dei Campioni. Poi, la tragedia. L'aereo che riportava a casa gli inglesi, dopo il pareggio sul campo della Stella Rossa di Belgrado, fa scalo a Monaco di Baviera. Nella laboriosa fase di decollo, l'aereo si schianta e prende fuoco. Ventitré morti, tra di loro anche Duncan Edwards ed altre future stelle del calcio britannico. Si salva Bobby Charlton, grazie al coraggio del portiere nordirlandese Harry Gregg, alla sua prima stagione a Manchester. Harry Gregg è mancato ieri. Fu eletto miglior portiere dei mondiali del 1958, quelli che rivelarono al mondo il genio di Pelè, in Svezia. L'Irlanda del Nord si fermò ai quarti di finale. Risultato mai più ripetuto. Gregg è stato il più popolare calciatore nordirlandese, prima che irrompesse, sempre al Manchester United, il genio ribelle di Best.
File:WillemIIManchesterUnited1963c.jpg
Manchester United nel 1963

lunedì 17 febbraio 2020

Serie A 2019/20: il punto dopo la 24^ giornata. La Lazio scavalca l'Inter

Conte fallisce l'ennesima partita di cartello della stagione. E non ne sono sorpreso. La Lazio scavalca l'Inter, all'inseguimento della Juve, che batte un Brescia quanto mai rimaneggiato: perché non ha giocato Tonali? Vittoria più sofferta di quel che si creda, il Brescia, sebbene in attacco Balotelli abbia a stento recitato da comparsa, ha avuto le sue occasioni per pareggiare prima del raddoppio di Cuadrado, pur giocando in dieci per un'ora. La corsa per lo scudetto resta a tre, ma l'Inter ha compiuto un passo falso, il pareggio almeno era alla portata, che potrà costare caro. Il Napoli torna alla vittoria con un gol di Mertens. Continua la crisi della Roma, sconfitta in rimonta dall'Atalanta. Parma corsaro, con Gervinho, contro il Sassuolo. La Fiorentina dilaga sul campo della Sampdoria. Questa sera, Milan-Torino.

domenica 16 febbraio 2020

Lazio-Inter: 2-1. Conte sbaglia tutto

Eriksen parte dalla panchina. Conte non lascia il suo spartito: 3-5-2 anche stasera. Con Vecino e Barella ai lati di Brozovic. Squadre disposte a specchio. Il primo squillo è della Lazio: traversa colpita da un tiro strepitoso di Milinkovic-Savic. L'Inter risponde con conclusione mancina di Lukaku dopo contropiede orchestrato da Brozovic. Sul finire del primo tempo, l'Inter passa. Tiro di Candreva, respinta centrale di Strakosha e gol di Young. Nella ripresa, il rigore, assai generoso, n. 14 assegnato alla Lazio in campionato conduce al pareggio di Immobile.  Poi i biancocelesti passano in vantaggio con Milinkovic-Savic, che ha il tempo di un gioco di suola in area nerazzurra, dopo un rinvio sbagliato da Vecino. Godin e Skriniar a 3 non sanno giocare. Con l'eccezione di Conte, l'hanno capito tutti. Eriksen entra a un quarto d'ora dalla fine per un Brozovic quanto mai sotto tono. Moses rileva Candreva. Padelli salva il risultato su Immobile, che taglia come il burro la linea formata da De Vrij, frastornato dai fischi, e Godin. Che esce, era ora, per Sanchez. Conte ha sbagliato formazione prima e cambi dopo. Tutte fallite le partite importanti. Barca, Borussia Dortmund, Juve e Lazio. Conte ha un repertorio limitato. Suona sempre la stessa musica. Non ha voluto cambiare modulo, passando al rombo di centrocampo, che avrebbe valorizzato Eriksen. Il risultato è stato il gioco lasciato alla Lazio. Milinkovic-Savic, da solo, ha fatto più di tutti i centrocampisti nerazzurri messi assieme. Barella molto stanco. Brutta prova di Lautaro, mentre Lukaku, che pure ha fatto meglio dell'argentino, continua a non segnare contro le prime della classifica. È sempre stato così. Anche in Premier.

venerdì 14 febbraio 2020

Lazio-Inter: crocevia della stagione

Partita di capitale importanza. Domenica sera l'Inter farà visita alla Lazio per quella che è, a tutti gli effetti, una gara decisiva per lo scudetto. Cui concorre anche la Juve meno solida e competitiva degli ultimi nove anni. La Lazio è in salute ed è imbattuta da un mucchio di partite, ha il miglior centrocampo del campionato, nessun impegno infrasettimanale nelle gambe - e sarà così fino al termine della stagione e, last but not least, il vento in poppa. L'Inter è forte, ma in difficoltà da un mese a questa parte: Barella è stanco, Sensi in ritardo di condizione. Decisivo potrebbe essere l'impiego dal primo minuto di Eriksen, che ha la personalità e i colpi per indirizzare la partita. Conte dovrebbe, però, optare per un modulo diverso, una difesa a 4 e un rombo a centrocampo. Un pareggio potrebbe avvantaggiare la Juve. Ritengo che Simone Inzaghi cercherà di limitare Brozovic, che è la prima fonte del gioco nerazzurro. Mettendogli addosso Correa (o Caicedo) e Milinkovic-Savic, a turno. La presenza di Eriksen, che sa comandare il gioco, potrebbe ovviare a questo problema, da cui è dipeso in gran parte il brutto primo tempo dell'Inter contro il Milan. Sia l'Inter che la Lazio danno il meglio negli spazi, in campo aperto. Dove si esaltano Immobile e Lukaku.

Dopo Icardi, Lautaro? Le strategie dell'Inter

L'Inter si è ritrovata con due dei migliori attaccanti del mondo, tra loro diversi e, a mio parere, complementari. E cosa decide? Prima si libera, non definitivamente per ora, di Icardi, che viene messo ai margini dopo 124 gol con la casacca nerazzurra; ora, si vocifera del possibile addio di Lautaro Martinez, corteggiato, come sempre accade ai grandi giocatori, da molte squadre straniere. Pare sia dal Real Madrid che dal Barcellona. L'Inter non rinnovò il contratto di Icardi, per non meglio precisate questioni di spogliatoio, ora, per non rinnovare il contratto di Lautaro, di cosa si parlerà?

giovedì 13 febbraio 2020

Il calcio degli anni '70: da Pelé a Cruijff, da Cubillas a Figueroa

Il calcio degli anni '70 è spesso dimenticato, con l'eccezione di rievocazioni occasionali e per se stesse insufficienti, tanto che molti dei maggiori protagonisti di quell'epoca ancora romantica della pelota sono per lo più degli sconosciuti per le nuove generazioni. Proviamo a rimediare? 

  • Gli anni '70 cominciano con i mondiali messicani, che vedono il successo del maggior campione del decennio precedente, Pelè, guida tecnica del Brasile delle meraviglie, che mette assieme a lui altri quattro numeri 10, Gerson, Jairzinho, Tostao e Rivelino. Un caleidoscopio di classe allo stato puro, che smentisce in una volta sola tutte le più scombinate teorie sugli equilibri, il gruppo e la tattica. La prevalenza del talento!
  • Il calcio totale d'Olanda è una rivoluzione, che abbaglia e frastorna. C'è del bello nella novità. Giocatori polivalenti, tutti addestrati fin dalle giovanili al possesso del pallone e alla consapevolezza tecnica, tutti capaci d'interpretare più ruoli e di scambiarsi le posizioni in campo. Ma, c'è anche un equivoco, sottostimato. Nel paese dei tulipani, per una congiura di circostanze fortunate, è fiorita, attorno al magnifico Cruijff, una generazioni di talenti irripetibile: Neeskens, Rep, Rensenbrink, Krol, Van Hanegem. E si potrebbe continuare. Non a caso, al tramonto di quest'epoca bella, l'Olanda, dopo i secondi posti ai mondiali del 1974 e del 1978, fallirà le qualificazioni a Spagna 1982 e Messico 1986. Come a dire che l'organizzazione del gioco è sì importante ma non può supplire al valore degli interpreti.
  • Il calcio totale trova molti imitatori anche in Italia. A cominciare dal Torino di Radice, che vince lo scudetto nel 1976. Anche in questo caso, però, al netto dell'efficacia del pressing a tutto campo, dell'aggressività e tutto il resto del credo olandese, ci sono grandi giocatori a fare la differenza, dal portiere Castellini, ai gemelli del gol Pulici e Graziani, da Zaccarelli e Pecci a centrocampo all'estrosa ala Claudio Sala
  • Nelle coppe europee, si registra il passo indietro dell'Italia, che perde due volte contro l'Ajax di Cruiff la finale di Coppa dei Campioni, nel 1972, con l'Inter, nel 1973, con la Juve. Ajax, dal 1971 al 1973, e Bayern Monaco, dal 1974 al 1976, mettono a segno tris storici.
  • Poi, comincia il lungo dominio inglese, che si estenderà ai primi anni '80. Comincia il Liverpool di Bob Paisley e prosegue il Nottingham Forrest di Brian Clough. Il calcio inglese cambia pelle, mantiene forza, corsa e atletismo, oltre a stadi carichi di passione che mettono in soggezione chiunque oltrepassi le bianche scogliere di Dover, ma comincia a farsi strada anche un gioco meno scontato, da palla lunga e pedalare, dai cross a ripetizione, si vira verso il pass and move. Kevin Keegan, ala destra dal gol facilissimo, sarà due volte pallone d'oro, nel 1978 e nel 1979, ma mancherà la qualificazione ad Argentina '78, venendo l'Inghilterra eliminata proprio dall'Italia.
  • Ai mondiali del 1974, si fa notare la Polonia, terza, del capocannoniere Lato e del centrocampista Deyna. L'Italia, data favorita, va fuori al primo turno. Arriva il congedo di tre giganti del calcio italiano, tutti intorno ai 30 anni: Sandro Mazzola, Gianni Rivera e Gigi Riva. Chinaglia, che aveva appena trascinato la Lazio di Maestrelli ad uno storico scudetto, litiga con Valcareggi e quella resterà l'immagine di una spedizione fallimentare. Resta uno dei centravanti migliori di tutta la sua generazione. Quando parte in progressione e s'ingobbisce ricorda Nordahl. Non è marcabile. Lo ricorderanno, ciascuno a suo modo, prima Elkjaer poi Vieri.
  • I mondiali del 1978, nell'Argentina dei colonnelli, registra il canto del cigno dell'Olanda, battuta in finale, tra le polemiche, dai padroni di casa, capitanati da un libero leggendario, Daniel Passarella, ruvidissimo in marcatura, ma.con un mancino raffinato. È la stella della squadra, con l'atipico attaccante Kempes, capocannoniere del torneo, ed il virtuoso Ardiles. Menotti, tecnico dell'Albiceleste, si concede il lusso di non convocare il giovane Maradona. Che diventerà il più grande di tutti. 
  • Due giocatori sudamericani, che non provengono dalle potenze tradizionali di Brasile e Argentina ed Uruguay, caratterizzano il decennio. Il 10 peruviano Cubillas, dal tiro poderoso e dalla progressione implacabile: 5 gol a Messico '70, 5 gol ad Argentina '78; il libero cileno Figueroa, uno dei massimi difensori della storia del calcio.
  • Dopo anni di anonimato, riprende vigore anche il calcio dell'est. Della Polonia s'è detto. Nel 1976, a sorpresa, è la Cecoslovacchia a vincere i campionati europei. Panenka segna, con il primo cucchiaio che si ricordi, il rigore decisivo nella finale contro la Germania Ovest di Beckenbauer e di Gerd Muller. Brilla anche la Jugoslavia di Dzajic, già capocannoniere degli Europei vinti dall'Italia nel 1968. Un anno prima della rassegna continentale, c'era stata la vittoria della Coppa delle Coppe da parte della Dinamo Kiev dal calcio super organizzato di Lobanovskij: la stella è Oleg Blochin, velocissimo attaccante che viene premiato con il pallone d'oro.
  • La nazionale olandese è la squadra del decennio, eppure perde le due finali del 1974, battura dalla formidabile Germania Ovest di Franz Beckenbauer, e quella del 1978, come detto, contro l'Argentina. La sua importanza, considerate anche le straordinarie analogie fra le due compagini, è pari a quella dell'Ungheria favolosa degli anni '50. Essa pure sconfitta ai mondiali svizzeri del 1954 dalla Germania Ovest.
  • In Italia, prevale la Juve, che si aggiudica cinque campionati su dieci. Gli altri vanno a Cagliari (1970), Inter (1971), Lazio (1974), Torino (1976) e Milan (1979). Segno che la serie è, peraltro priva di calciatori stranieri, è competitiva ed aperta a molti esiti diversi. Non ho memoria di un altro decennio con sei squadre diverse capaci di raggiungere il titolo nel nostro campionato.
  • La nazionale italiana è seconda ai mondiali del 1970 e quarta a quelli del 1978: nel mezzo la ricordata delusione del 1974.

mercoledì 12 febbraio 2020

Inter-Napoli: 0-1. Fabian Ruiz

Dopo l'impresa nel derby, l'Inter affronta il Napoli nella semifinale d'andata della Coppa Italia. Un grandissimo gol di Fabian Ruiz punisce un'Inter stanca, lenta e prevedibile. Eriksen andava schierato dall'inizio, Sensi è lontano parente del giocatore ammirato all'inizio della stagione. Questo è stato un errore di Conte, che, c'è poco da fare, è più allenatore da campionato che da coppa. Detto questo, perché D'Ambrosio gioca in serie A, se ha fondamentali da serie D? Perché prevale la retorica dell'impegno.