Post in evidenza

La stagione ciclistica 2019: in atto un ricambio generazionale

La stagione ciclistica 2019 si avvia alla conclusione: dopo il successo di Mollema al Giro di Lombardia , resta la Parigi-Tours e poco al...

mercoledì 16 ottobre 2019

Cosa c'entra Mancini con Pozzo?

Nove vittorie consecutive alla guida della nazionale italiana. Per Mancini, dopo il successo di ieri sera contro il tremendo Liechtenstein, come, 80 anni fa, per Vittorio Pozzo. Di questo, incredibile dictu, si è scritto e parlato in queste ore. Si può? Mancini, per carità, ha chiarito che di Pozzo gli interessano altri record, come i due mondiali e le Olimpiadi. Però, sotto sotto, è contento, avendo di sé un'opinione notevole. Mi ripeto: Mancini è stato un calciatore molto forte e complessivamente sottovalutato, per contro è un allenatore solo discreto e tanto sopravvalutato quanto benvoluto, dalla sorte e dalla stampa. Il suo curriculum europeo con squadre di club è modestissimo. Quanto alla nazionale italiana, vedremo cosa saprà fare. Ricordiamolo, però, che le 9 vittorie consecutive di Pozzo passarono per il mondiale di Francia del 1938, vinto, quello di Meazza capitano e grand peintre du football, come furono costretti a riconoscere i francesi. Altro che il girone di qualificazione ad un Europeo, quello del 2020, a 24 squadre!

martedì 15 ottobre 2019

Tour de France 2020: il percorso.

Le Tour de France 2020 🚲
Si comincerà una settimana prima del solito, per via delle Olimpiadi di Tokyo. Si partirà da Nizza, come non succedeva dal 1981, il 27 giugno. Arrivo previsto a Parigi, il 19 luglio 2020. Prima i Pirenei, poi le Alpi. La tappa regina della Grande Boucle sarà la diciassettesima con arrivo sul durissimo Col de la Loze. Penultima prova a cronometro: 36 km per lo più in salita. Tour per scalatori e percorso inedito. Presto per fare pronostici. Mi sbilancio lo stesso: sarà sfida tra Bernal e Thibaut Pinot.

Le tappe:

  1. Nizza - Nizza 156 km
  2. Nizza - Nizza 187 km
  3. Nizza - Sisteron 198 km
  4. Sisteron - Orcieres-Merlette 157 km
  5. Gap-Privas 183 km
  6. Le Teil - Mont Aigouval 191 km
  7. Millau - Lavaur 168 km
  8. Cazeres -sur- Garonne - Loudenvielle 140 km
  9. Pau - Laruns 154 km
  10. Le Chateau d'Oleron - Saint-Martin-de-Re 170 km
  11. Chatelaillon-Plage - Poitiers 167 km
  12. Chauvigny - Sarran 218 km
  13. Chatel-Guyon - Puy-Mary 191 km
  14. Clermont-Ferrand - Lyon 197 km
  15. Lyon - Grand Colombier 175 km
  16. La Tour-du-Pin - Villard-de-Lans 164 km
  17. Grenoble - Col de la Loze 168 km
  18. Meribel - La-Roche-sur-Foron 168 km
  19. Bourge-en-Bresse - Champagnole 160 km
  20. Lule - La Planche des belles filles 36 km
  21. Mantes-la-Jolie - Parigi 122 km
Risultati immagini per tour de france arco di trionfo
Arco di Trionfo, Parigi

Harry Kane, 28 gol con l'Inghilterra, insegue Rooney, 53

Deve fare ancora molta strada, ma Harry Kane, 26 anni e 28 gol con l'Inghilterra dopo 43 partite, ha già messo nel mirino il primatista Rooney, 53 gol in 120 partite con la nazionale inglese. Nelle ultime quattro gare, compreso quello di ieri sera sul campo della Bulgaria, il centravanti del Tottenham ha segnato la bellezza di sei reti.

Moise Kean sopravvalutato

Nove partite con l'Everton. Nessun gol. Moise Kean che la cortigiana stampa nazionale ha cercato di presentare come un nuovo fenomeno del calcio mondiale sta vivendo un periodo di difficile ambientamento in Inghilterra. Né, ultimamente, ha fatto meglio con la nazionale under 21. Sopravvalutato? Sì e parecchio. Quando giocava nella Juve, ogni mezza giocata, ogni tiro deviato, diventava segno e predizione di una grande carriera! Chissà perché? Per carità, non dico che non abbia delle qualità, ma è, tutto sommato, un giocatore ordinario. Era evidente anche un anno fa. Oggi, a quanto pare, di più.

lunedì 14 ottobre 2019

La stagione ciclistica 2019: in atto un ricambio generazionale

La stagione ciclistica 2019 si avvia alla conclusione: dopo il successo di Mollema al Giro di Lombardia, resta la Parigi-Tours e poco altro. Mi pare che sia in atto un ricambio generazionale. Il colombiano Egan Bernal vincitore del Giro della Svizzera e, soprattutto, del Tour de France, si avvia a diventare il dominatore delle corse a tappe del prossimo decennio. Invecchiato Froome, che dovrà riprendersi da un grave infortunio, invecchiato Nibali, gli unici due in attività capaci di vincere tutte le tre grandi corse a tappe, l'avversario più solido di Bernal è Tom Dumoulin, che ha avuto nel 2019 il suo annus horribilisMa, l'olandese, forte in salita e sul passo, specialista massimo contro il tempo, nel prossimo lustro avrà ancora da dire la sua. Anno difficile anche per Thibaut Pinot, mai così vicino alla vittoria del Tour de France, che ha ammirato la prova di Alaphilippe, già vincitore della Milano-Sanremo e tanto altro in linea, che ha tenuto a lungo la maglia gialla, sovvertendo tutti i pronostici. Poi, c'è la Slovenia, nuova nazione del ciclismo. Con Roglic, vincitore della Vuelta, terzo al Giro d'Italia, e dominatore delle brevi corse a tappe, dalla Tirreno-Adriatico al Giro di Romandia. E con Pogacar, quinto alla Vuelta, che s'intuisce predestinato ad una grande carriera. Nelle corse di un giorno, è esploso il figlio d'arte Mathieu Van der Poel, che ha da migliorare in sagacia tattica, visto come è crollato nel finale del mondiale inglese, vinto dal danese Pedersen. Una citazione a parte merita il belga Evenepoel, 19 anni, trionfatore a San Sebastian, uno che va forte dappertutto. E che potrebbe vincere tutto. L'Italia non se la passa male. Viviani è forse il miglior velocista in circolazione. Bettiol, trionfatore al Giro delle Fiandre, può ripetersi. Trentin resta un corridore molto affidabile per le gare di un giorno. Moscon deve ancora trovare una dimensione esatta, ma ha talento vero. Da verificare anche nelle corse a tappe.

sabato 12 ottobre 2019

Giro di Lombardia 2019: vince Mollema

Giro di Lombardia 2019
Ultima classica monumento della stagione 2019. Vince con un grande assolo l'olandese Mollema. Roglic, favorito alla vigilia, chiude solo settimo. Sul podio Valverde e Bernal, sorpresi come gli altri favoriti dall'attacco di Mollema. Forte il rimpianto per Valverde al cui incredibile palmares continua a mancare il  Lombardia.

giovedì 10 ottobre 2019

Shanghai Masters: Fognini e Berrettini ai quarti

Fognini-Kachanov 6-3,7-5
Berrettini - Bautista Agut 7-6, 6-4
Battuto Khachanov in due set: 6-3-, 7-5. Fabio Fognini si issa ai quarti di finale del Masters 1000 di Shanghai. Ai quarti del torneo cinese lo segue anche Berrettini, che batte Bautista Agut per 7-6, 6-4. Il tennis italiano maschile vive un grande momento, già certificato dalla presenza di 8 italiani tra i primi 100 della classifica Atp, guidati proprio da Fognini e Berrettini, attualmente ai numeri 12 e 13: entrambi sono in corsa per partecipare alle Atp Finals 2019.
Risultati immagini per fognini
Fabio Fognini

mercoledì 9 ottobre 2019

Pioli è il nuovo allenatore del Milan

Esonerato Giampaolo, è Pioli il nuovo allenatore del Milan. Adeguato, più che alle esagerate ambizioni della dirigenza, aggrappata al ricordo di un passato che non può tornare, al valore dell'attuale rosa rossonera: la medio - bassa classifica. Del resto, la storia del Milan, eccettuato il regno berlusconiano, è storia di alti e di bassi. Dopo lo scudetto del 1907, il Milan rimase 44 anni senza vittorie! Fino al titolo del 1951 ai tempi del Gre-No-Li. E poi, dopo l'epoca di Rivera, ci furono le due retrocessioni, nel 1980 e nel 1982. La storia! Tornando all'attualità, c'è da dubitare che Pioli resti sulla panchina del Milan fino al termine della stagione.

martedì 8 ottobre 2019

Giro di Lombardia 2019: favoriti. Forfait di Alaphilippe

Sabato 12 ottobre si correrà il Giro di Lombardia 2019. La classica delle foglie morte, che un tempo chiudeva la stagione ciclistica internazionale. Da un paio di decenni non è più così. Ad ogni modo, è l'ultima classica monumento dell'anno. Mancherà al via il vincitore della passata edizione, Thibaut Pinot, che ha chiuso in anticipo dopo l'infortunio al Tour de France. Per il resto, partecipanti di primissimo ordine, da Gilbert a Valverde e Alaphilippe, delusi dal mondiale inglese, fino ai tre vincitori di Giro, Tour e Vuelta, Carapaz, Bernal e Roglic. Per l'Italia, Nibali, alla ricerca di un difficile tris. Ecco il borsino dei favoriti.
*Aggiornamento: aggiungo una stelletta a Roglic, che oggi ha conquistato anche la Tre Valli Varesine. Alaphilippe non ci sarà: stagione finita per lui.
*Aggiornamento  del 9 ottobre 2019: voglio dare una stelletta anche a Giovanni Visconti, che è in forma e ha spesso ben figurato al Lombardia.

  1. Gilbert ****
  2. Alaphilippe ***
  3. Roglic ***
  4. Valverde **
  5. Nibali **
  6. Bernal **
  7. Schachmann **
  8. Carapaz *
  9. Fuglsang *
  10. Visconti *
  11. Woods *
  12. Kwiatkowski *
  13. Formolo *