Elenco blog personale

domenica 18 settembre 2022

Udinese-Inter 3-1: segue dibattito

Inter con Acerbi al centro della difesa, Dumfries e Darmian esterni e Mkhitaryan al posto dell'infortunato Calhanoglu. Inter subito in vantaggio con una splendida punizione dalla sinistra, trasformata da Barella. Poi, i nerazzurri si chiudono dietro. Bastoni e Mkhitaryan si fanno ammonire in rapida successione:  non tengono Pereyra. L'Udinese pareggia con goffo autogol di Skriniar su punizione dalla trequarti. Inzaghi sostituisce Bastoni e Mkhitaryan con Dimarco e Gagliardini dopo 31 minuti di gioco. Segno di molta impazienza. Anche se Bastoni, oggettivamente, nemmeno sembrava entrato in campo. Si va all'intervallo. Il secondo tempo non merita commenti. La fase difensiva dell'Inter, per organizzazione e attenzione, è dilettantesca. L'Udinese vince 3-1. Dopo 4 sconfitte in nove partite stagionali e un gioco scoraggiante, Inzaghi meriterebbe l'esonero. Non è però il solo responsabile. Troppi giocatori, che gli giochino contro o meno, stanno disertando. Ed è inaccettabile. Stagione balorda, finora. O si raddrizza subito oppure sarà un disastro.

26 commenti:

  1. Avevo pronosticato 5 punti, ne sono arrivati 6 per miracolo (gol nel finale contro il Torino in una partita dove i granata avrebbero meritato la vittoria), la squadra è scarsa, inutile girarci intorno. L’acquisto di nonno Mktarian a 4,5 M (gli stessi che la Roma garantisce a Dybala) è stata una follia. Uno come Delofeu oggi nell’Inter sarebbe stratitolare. Non abbiamo un solo giocatore in grado di saltare l’uomo in dribbling e dare imprevedibilità alla manovra. La fase difensiva poi è ridicola: Bastoni tolto per disperazione invece di dare calci alle sedie in panchina imparasse a difendere. Skriniar trattato come un pacco postale tutta l’estate andava ceduto. Becao è tanto più scarso? Su DeVryi poi ho esaurito gli insulti: per lui e per Inzaghi che lo ha fatto entrare non si capisce per quale motivo a pochi minuti dalla fine. Sembra la reincarnazione di Bruno Cirillo, lo scherzano tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cambio di De Vrij senza senso. Ma le prove di Bastoni e Skriniar sono state pessime. Ingiustificabili.

      Elimina
  2. De vry, già intenzionato a cambiare aria a giugno, e' un separato in casa. E' stato un errore trattenerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Ma pure Skriniar pare destabilizzato dalle voci di mercato e dal contratto in scadenza. Sta giocando malissimo. Bastoni è irriconoscibile. Sempre deconcetrato. Qualcosa non va.

      Elimina
  3. Se i giocatori non credono più nell'allenatore a Marotta gli conviene sperare che la Juve cacci Allegri per prendere lui. Con una rosa come quella dell'Inter vincerebbe lo scudetto in carrozza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso sia possibile. Se lo fosse, Allegri è ha pragmatico ed esperto e ricaverebbe il massimo da questa rosa, sì.

      Elimina
    2. Fossi io al posto di Allegri me ne andrei proprio di mia sponte, l’hanno letteralmente messo lì a tenere la croce e a prendersi gli impropri per una rosa imbarazzante, costruita a caso da una società che non sa che pesci prendere da anni. Fra rottami, gente finita o logora fisicamente, mezzi bidoni e ragazzini messi lì a caso non so manco se valga metà classifica e deve fare miracoli per arrivare quarto fra gli insulti dei tifosi a cui è stato dato a intendere che è una squadra di vertice...

      Elimina
    3. Io lo dissi l'anno scorso che non capivo la sua scelta di tornare. Non so davvero perché abbia accettato. La Juve, ora come ora, può valere non più del quinto o sesto posto in campionato.

      Elimina
    4. Nirvana ma hai bevuto? Premesso che Allegri se fosse esonerato non potrebbe essere assunto da altra squadra di A...pensi davvero che un catenacciaro (adesso si dice pragmatico) come Allegri potrebbe spremere qualcosa di buono da quella banda di ex giocatori e piedi a banana che costituiscono l'attuale rosa dell'Inter? E poi basta ex Juventini

      Elimina
    5. No, no. La rosa dell'Inter è attrezzata anche per vincer il campionato. Solo che tanti stanno giocando sotto il loro livello. Tanti corrono a vuoto, ma poi, vedasi Barella nel derby e ieri, non fanno il mezzo metro necessario per contrastare e si distraggono. Inzaghi sta facendo errori per nervosismo e continua a sbagliare i cambi. Allegri, va riconosciuto, ha sempre saputo leggere le partite in corso.

      Elimina
    6. Ma pragmatico non vuol dire catenacciaro, vuol dire che qualsiasi tipo di calciatori gli danno sa trovare il sistema più adatto a farli rendere al meglio. Certo se gli danno una squadra impietosa in cui il centrocampo viene dominato pure da squadre in lotta per non retrocedere che altro può fare, se non barricarsi e cercare di resistere?
      Tra l'altro, anche se pare che tutti se ne siano dimenticati, quando aveva i giocatori adatti ha pure giocato un bel calcio tecnico e veloce, tipo i primi due anni al Milan (poi gli hanno smantellato la squadra...) o il terzo e quarto anno nella Juve quando abbandonò il 3-5-2 ereditato da Conte sfornando oltretutto un assetto ultra offensivo tanto che si vedevano perfino partite finire in goleada.

      L'Inter allo stato attuale ha una rosa di livello, pur con qualche limite, su tutti quello di essere costretta al 3-5-2, ma gli basterebbe per vincere in scioltezza il campionato. Ma pure al di là di Allegri, chiunque sia capace anche solo di non intestardirsi a cambiare schemi che funzionavano e di fare sostituzioni che non siano quelle dei giocatori ammoniti potrebbe vincere con questa rosa.

      Elimina
    7. Sono d'accordo. Un bravo tecnico è come un bravo sarto: tutto sta a prendere correttamente le misure, adattandovi la stoffa a disposizione.

      Elimina
  4. la Juve ha speso durante la gestione Allegri. i cartellini di vlaovic, bremher e kostic sono costati molto e pure, per i parametri zero pogba e di Maria, si e' fatto un notevole sforzo in termini di ingaggio. Non mi sembra che Allegri debba fare le nozze con i fichi secchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno speso ma con poca resa. Pogba non sta giocando. Di Maria, ieri espulso, sta giocando poco. Difesa e centrocampo sono di poca qualità. Gatti non è Barzagli, per dire. Poi, è probabile che ci sia anche una frattura tra tecnico e giocatori. Ma, insomma, la Juve non ha più la miglior rosa del campionato.

      Elimina
    2. La devono rifare proprio da capo la rosa, di giocatori affidabili ad un certo livello e integri fisicamente c'è solo i portieri, Danilo, Bremer ma deve giocare a tre, Miretti che comunque c'ha 19 anni, Vlahovic che però va servito e magari un paio di giovani interessanti in prospettiva dalla squadra riserve tipo Soulé e Barrenechea. Il resto son tutti mediocri, rottami, finiti o logori fisicamente. E non credo Elkann voglia continuare ad aprire il portafogli ad ibitum, per di più affidando i soldi a gente che non ha la minima idea di cosa voglia dire seguire un progetto tecnico.

      Elimina
    3. Sì, la situazione della Juve, allo stato attuale, è scoraggiante. Vedo scelte alla maniera di Galliani nell'ultimo periodo della presidenza Berlusconi. Galliani, però, ne indovinava di più.

      Elimina
  5. Manchiamo di qualità d'avanti e a centrocampo, l'uomo che sappia saltare l'avversario e creare la superiorità numerica.
    E manchiamo anche di dirigenti che sappiano scovare nuovi talenti e non accontentarsi di giocatori sul viale del tramonto.
    Il Napoli ha il georgiano che è davvero forte, salta l'uomo con facilità ed è giovane. Per noi in questo momento sarebbe un lusso persino Napolitano o Lozano, altri che perlomeno ci provano.
    Il Milan ha la sua forza in Leao, altro che crea la superiorità. Ha comprato il giovane belga anche lui con ottima tecnica e strutturato fisicamente, si farà.
    La Roma ha carenze in altri reparti ma davanti Dybala e Zaniolo assicurano quella imprevedibilità che manca all'inter.
    Quest'anno sarà davvero dura, l'unica soluzione che posso immaginare è un gioco trapattoniano. Squadra chiusa e veloce a ripartire con Dumfries (che però deve essere lanciato in profondità perchè è un terzinaccio veloce e nulla più, incapace di saltare l'uomo anche lui), Lautaro, Lukaku e Barella a sfruttare il contropiede e gli spazi.
    Forse in un gioco del genere potrebbe risultare utile anche Gosens, altro flop annunciato, o proverei sulla sinistra Bellanova. Quest'ultimo, almeno nel Cagliari in quelle poche volte che l'ho visto, affrontava l'avversario per saltarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, "davanti" ovviamente

      Elimina
    2. Sono d'accordo. Quest'Inter deve giocare più raccolta. E con il ritorno di Lukaku potrà farlo in modo efficace. Giocando più raccolta, con minor distanza tra i reparti, l'Inter difenderà anche meglio, fermo restando che il rendimento d'inizio stagione di Skriniar, De Vrij e Bastoni è per sé stesso inaccettabile. Gosens deve trovare spazio, perché, se non altro, è sempre concentrato e tiene la posizione. Giocando, la migliore condizione arriverà. Detto tutto questo, Inzaghi è nervoso e deve cambiare di meno. Ieri ha ruotato tutti in difesa, con i risultati che sappiamo. La squadra ha bisogno di calma e semplicità.

      Elimina
  6. A questa squadra servivano come il pane Bremer e Dybala e servirebbe magari un cambio di modulo. Inzaghi da questo punto di vista e’ quasi peggio di Conte. E poi DeVriy e Bastoni devono scaldare la tribuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bremer non lo so, lo conosco ancora poco. Dybala, sì, sarebbe stato utile. Molto più utile di quanto risulti Correa.

      Elimina
  7. Mi pare che nel blog tutti siano concordi nel cambio di atteggiamento: baricentro basso e sfruttare le ripartenze (il vecchio catenaccio)…c’è solo un problema…ci sono anche gli avversari che ormai sanno come affrontarci: pressing su Brozo e iniziativa in mano all’Inter che (statistiche alla mano) solitamente viaggia con il 70% dei passaggi effettuati nella propria metà campo e risulta ultima nella classifica dei dribbling. In pratica questo atteggiamento va bene contro squadre di prima fascia che lasciano più spazi e molto meno contro squadre più accorte e fisiche. Ma poi siete sicuri si possa riproporre il gioco di Conte senza Perisic e Hakimi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non precisamente il gioco di Conte. Dico solo giocare un poco più indietro. Alternare il possesso palla nella propria metà campo, quella lunga ed estenuante serie di passaggi tra portiere e difensori e via daccapo, con qualche lancio immediato sulle punte. Si potrebbe provare anche Dimarco sul centrosinistra, ma a centrocampo. E andrebbe valorizzato Gosens. Come sarebbe utile una doppia regia con Asslani, come accadde con Eriksen. Soluzioni che noi possiamo solo ipotizzare e che Inzaghi deve trovare concretamente. Ma, la rosa dell'Inter vale più della classifica attuale. Su questo punto, non ho dubbi.

      Elimina
    2. Se inzaghi trova il coraggio di correggere un assetto che non valorizza il pur assortito organico nerazzuro, ci potrà essere una inversione di tendenza. Conte seppe farlo, arretrando Erikseen e trasfomandolo da mezza punta a mezz'ala di raccordo. La stagione è ancora lunga.

      Elimina
    3. Appunto. Deve farsi venire qualche idea, Inzaghi. In Italia, continuo a non vedere rose più forti di quella dell'Inter. Che non è forse straordinaria, ma è almeno del livello di quelle del Napoli e del Milan.

      Elimina