domenica 8 marzo 2020

Juve-Inter 2-0. Lukaku peggiore in campo. I soliti errori di Conte

Appena si alzi il livello dell'avversario, l'Inter di Conte paga dazio. Già visto con Juve all'andata, Barca e Borussia in Champions, Lazio e di nuovo Juve, proprio stasera, al ritorno. Non è un caso. Come non è un caso che in tutte queste partite Lukaku sia stato, e per distacco, il peggiore in campo.  E Conte sbaglia ad affidarsi a lui. Che seguo da quasi dieci anni. Il belga, nelle partite importanti, sparisce. È noto. Conte non può non saperlo. E tutto questo al netto della discreta partita che l'Inter gioca nella seconda metà del primo tempo e all'inizio della ripresa. Il gol di Ramsey, propiziato da errori in serie dei difensori nerazzurri, spegne la luce prima ancora che entri Dybala, chiudendo la partita. Bravo l'argentino, ma Young, che prima mi era piaciuto, abbocca ad una finta scolastica, mente Handanovic cerca la solita parata con l'ipnosi. Che non riesce, manco a dirlo. I cambi sono sbagliati. Assurdo togliere Barella. E non portano alcunché. Anche Eriksen fa la comparsa.  Lo scudetto, sempre che il campionato continui, è andato. Sconfitta bruciante. Contro una Juve peraltro modesta. Aggiungo che non mi sono minimamente piaciute le dichiarazioni di Conte. Proprio per niente!

9 commenti:

  1. Io praticamente non ho neppure visto la partita...che ha detto Conte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che la Juve sarebbe di un altro livello, la Juve che ha perso dal Verona e dal Lione! Che l'Inter è ancora lontana e via dicendo. Sembrava Spalletti alla ricerca della scusa migliore. Mentre l'Inter, in realtà, è in flessione da tre mesi. Non si è assunto mezza responsabilità.

      Elimina
  2. Il campionato finisce qui e non è vero che verrà assegnato lo scudetto. I piazzamenti varranno solo per le qualificazioni alle coppe europee.

    RispondiElimina
  3. La mossa decisiva della partita è stata l'esclusione da parte di Sarri di quel bidone incredibile che è Pjanic, a Lione finché c'è stato lui in campo la Juve era totalmente incapace di avanzare e in balia dell'avversario, situazione poi ribaltata nel finale una volta uscito. Io ho notato pure una fase difensiva più ordinata (unico vero rischio la cappellata di de Sciglio appena entrato) e una gestione del vantaggio assai migliore, di fatto ha rinunciato a tutti i suoi principi, cosa che Conte ancora non è stato in grado di fare, anche se uno pseudo 4-3-1-2 si è intravisto nel finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conte è dogmatico, purtroppo. E non ha grandi tempi di reazione durante la partita. D'accordo sull'esclusione di Pjanic: Bentancur interpreta il ruolo con ben altro dinamismo. Sia che attacchi sia che difenda.

      Elimina
    2. Del resto, anche al Chelsea, lo scorso anno, si era visto poco del "sarrismo" di Napoli. Lo schema offensivo prevalente era: palla ad Hazard.

      Elimina
  4. il presidente del Getafe dichiara che la sua squadra, in nessun caso,
    verrà a Milano e che l'eventuale sconfitta a tavolino non lo turba minimamente. Forse ha ragione.

    RispondiElimina