domenica 5 febbraio 2017

Juve-Inter 1-0. Pioli perdente

Un perdente è un perdente. Pioli è un perdente, come Cuper, giusto oggi sconfitto in finale di Coppa d'Africa. Due partite sbagliate in pochi giorni. Contro la Lazio, la più grave, perché la Coppa Italia era alla portata dell'Inter, e contro la Juve. Cambiato il modulo per paura, D'Ambrosio, i piedi peggiori della serie A, schierato per incompetenza, Palacio subentrato per confusione. Inter mai davvero pericolosa. Juve fortunata ed aiutata da un arbitraggio casalingo. Però un perdente è un perdente. E Pioli è un perdente. Inutile dilungarsi. È questa la sintesi più fedele della partita. E, temo, della stagione dell'Inter.

2 commenti:

  1. Andrea Lisi Luxuria6 febbraio 2017 21:13

    Ce lo siamo detti il giorno prima, questo cambio di modulo all'improvviso proprio non mi è piaciuto.
    Le ultime partite sono state giocate bene sulle fasce nella fase offensiva, male solitamente in quella difensiva.
    Ieri Perisic partiva spesso da posizione più centrale, scelta che lo ha limitato nelle sue incursioni sulla fascia. Siamo andati a intasare la zona centrale per paura degli avversari, rinunciando a impensierirli con il nostro punto di forza.
    Non appena Perisic si è allargato siamo stati pericolosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Inter giocò decisamente meglio all'andata. Quando mise sotto la Juve per tutta la partita. La paura non è una buona consigliera. Pioli ha cambiato per paura e, complice una certa sfortuna, ha perso.

      Elimina