lunedì 16 aprile 2018

I migliori ciclisti francesi della storia

Propongo una classifica a punti dei migliori ciclisti francesi della storia. Primo è risultato il grande bretone Bernard Hinualt.
  • Tour de France:                                            


 1. 350 punti 2. 200 punti 3. 150 punti 4. 120 5. 100 6. 80 punti 7. 70 8. 60 punti 9. 50 punti 10. 40 punti                      

    • Giro d'Italia:


    1. 300 punti 2. 150 punti 3. 100 punti 4. 80 punti 5. 70 punti 6. 60 punti 7. 50 punti 8. 40 punti 9. 30 punti 10. 20 punti    



    • Vuelta a Espana:



    1. 200 punti 2. 100 punti 3. 80 punti 4. 70 punti 5. 60 punti 6. 50 punti 7. 40 punti 8. 30 punti 9. 20 punti 10. 10 punti    



    • Campionato del mondo:



    1. 100 punti 2. 70  punti 3. 60 punti 4. 50 punti 5. 40 punti 6. 30 punti 7. 20 punti 8. 10 punti 9. 8 punti 10. punti    



    • Classiche "monumento" (Milano - Sanremo, Giro delle Fiandre, Parigi - Roubaix, Liegi - Bastogne - Liegi, Giro di Lombardia) e Giro della Svizzera:

    1. 60 punti 2. 54 punti 3. 48 punti 4. 42 punti 5. 36 punti 6. 30 punti 7. 24 punti 8. 18 punti 9. 12 punti 10. 6 punti      


    • Campionato nazionale, Classiche internazionali (Freccia Vallone, Amstel Gold Race, Clasica di San Sebastian, Campionato di Zurigo, Parigi - Tours, Gand - Wevelgem, Olimpiadi):


    1. 50 punti 2. 40 punti 3. 30 punti



    • Brevi corse a tappe di maggior prestigio (Tirreno - Adriatico, Parigi - Nizza, Giro del Delfinato, Midi Libre, Giro di Romandia, Giro dei Paesi Baschi, Giro del Trentino, Bicicletta Basca, Vuelta a Burgos, Giro di Catalogna, Giro del Mediterraneo, Giro del Belgio, Vuelta a Murcia, Vuelta a Levante -Comunità Valenciana-, Giro di Danimarca, Criterium International, Giro di Gran Bretagna, Settimana Ciclistica Lombarda, Giro di Aragona, Giro della Comunità Valenciana, Giro dell'Algarve, Tour du Haut Var, Giro del Lussemburgo, Quattro Giorni di Dunkerque, Giro dell'Andalusia):


    1. 40 punti

    • Classiche del calendario italiano e classiche minori del calendario internazionale (Tre Valli Varesine, Coppa Agostoni, Coppa Bernocchi, Milano - Torino, Giro del Veneto, Giro del Piemonte, Giro del Friuli, Giro dell'Appennino, Giro del Lazio, Giro dell'Emilia, Trofeo Matteotti, Gran Premio Industria e Commercio, Giro di Toscana, Gran Premio Città di Camaiore, Coppa Sabatini, Trofeo Laigueglia, Coppa Placci, Gran Premio Beghelli, Strade Bianche, E3 Harelbeke, Freccia del Brabante, Het Volk, Gran Premio di Francoforte, Scheldeprijs, Gran Premio di Vallonia, Gran Premio Primavera, Gren Premio di Montreal, Primus Classic, Attraverso le Fiandre, Ronde Van Limburg, Gran Premio Cantone Argovia):


    
    1. 30 punti


    • Campionati nazionali minori (1. 30 punti, 2. 20 punti, 3. 10 punti)

    • Brevi corse a tappe e *corse di un giorno di minor prestigio (Giro di Slovenia, Giro della Repubblica Ceca, Giro di Sardegna, Route du Sud, Giro dell'Algarve, Giro dell'Irlanda, Giro delle Asturie, Settimana Catalana, *Escalada a Montjuic, * Vuelta a la Rioja, Giro dell'Austria, Giro del Qatar, Giro del Portogallo, Tour Down Under, Vuelta a Colombia, Giro di Polonia) 
    1. 25 punti
    • Vittorie di tappa nei grandi giri nazionali (Tour de France, Giro d'Italia e Vuelta a Espana):


    per ogni vittoria al Tour: 15 punti
    per ogni vittoria al Giro: 12 punti
    per ogni vittoria alla Vuelta: 10 punti

    1. Bernard Hinault (Francia): 5.628 punti (1975-1986): 2.150 punti al Tour de France (cinque volte primo, due volte secondo), 900 punti al Giro d'Italia (tre volte primo), 600 punti alla Vuelta a Espana (due volte primo), 240 punti al campionato del mondo (una volta primo, una volta terzo, una volta quinto, una volta sesto, una volta ottavo), 130 punti al campionato francese (una volta primo, due volte secondo), 24 punti alla Milano-Sanremo (una volta settimo),  114 punti alla Parigi-Roubaix (una volta primo, una volta quarto, una volta nono), 174 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (due volte primo, una volta secondo), 168 punti al Giro di Lombardia (due volte primo, una volta secondo), 100 punti alla Freccia Vallone (due volte primo), 50 punti alla Gand Wevelgem (una volta primo), 50 punti all'Amstel Gold Race (una volta primo), 120 punti al Giro del Delfinato (tre volte primo), 40 punti al Giro del Lussemburgo (una volta primo), 80 punti al Criterium International (due volte primo), 40 punti al Giro di Romandia (una volta primo), 40 punti alla Vuelta della comunità Valenciana (una volta primo), 40 punti alla Quattro giorni di Dunkerque (una volta primo), 420 punti per vittorie di tappa al Tour de France (ventotto vittorie di tappa), 78 punti per vittorie di tappa al Giro (sei vittorie di tappa), 70 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (sette vittorie di tappa)
    Bernard Hinault
    in maglia gialla


    2. Jacques Anquetil (Francia): 4.601 punti (1953-1969): 1900 punti al Tour de France (cinque volte primo, una volta terzo), 1.100 punti al Giro d'Italia (due volte primo, due volte secondo, due volte terzo), 200 punti alla Vuelta a Espana (una volta primo), 178 punti al campionato del mondo (una volta secondo, una volta quinto, due volte sesto, due volte nono), 60 punti al campionato francese (due volte terzo), 18 punti alla Parigi-Roubaix (una volta ottavo), 102 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta primo, una volta quarto), 60 punti al Giro di Lombardia (una volta quarto, una volta ottavo), 80 punti alla Gand-Wevelgem (una volta primo, una volta terzo), 200 punti alla Parigi-Nizza (cinque volte primo), 80 punti alla Quattro Giorni di Dunkerque (due volte primo), 160 punti al Criterium International (quattro volte primo), 80 punti al Giro del Delfinato (due volte primo), 40 punti al Giro della Catalogna (una volta primo), 40 punti al Giro dei Paesi Baschi (una volta primo),  225 punti per vittorie di tappa al Tour de France (quindici vittorie di tappa), 78 punti per vittorie tappa al Giro d'Italia (sei vittorie di tappa), 10 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (una vittoria di tappa)
    Jacques Anquetil al centro della foto

    3. Raymond Poulidor (Francia): 3.806 punti (1960-1977): 1.530 punti al Tour de France (tre volte secondo, cinque volte terzo, una volta settimo, una volta ottavo, una volta nono), 350 punti alla Vuelta a Espana (una volta primo, una volta secondo, una volta ottavo, una volta nono), 350 punti al campionato del mondo (una volta secondo, tre volte terzo, due volte quinto, una volta settimo), 90 punti al campionato francese (una volta primo, una volta secondo), 174 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo, una volta secondo, una volta quinto, una volta settimo), 12 punti al Giro delle Fiandre (una volta nono), 120 punti alla Parigi-Roubaix (una volta quinto, due volte sesto, una volta settimo),  162 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta terzo, una volta quarto, una volta quinto, due volte ottavo), 198 punti al Giro di Lombardia (due volte terzo, due volte quinto, una volta sesto), 90 punti alla Freccia Vallone (una volta primo, una volta secondo), 70 punti alla Parigi-Tours (una volta secondo, una volta terzo), 200 punti al Criterium International (cinque volte primo), 80 punti al Giro del Delfinato (due volte primo), 40 punti al Tour du Haut Var (una volta primo), 80 punti alla Parigi-Nizza (due volte primo), 40 punti al Midi Libre (una volta primo), 75 punti alla Escalada a Montjuic (tre volte primo),  25 punti alla Vuelta a la Rioja (una volta primo), 105 punti per vittorie di tappa al Tour de France (sette vittorie di tappa), 40 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (quattro vittorie di tappa)

    4. Louison Bobet (Francia): 3.172 punti (1946-1962): 1.390 punti al Tour de France (tre volte primo , una volta terzo, una volta quarto, una volta settimo), 280 punti al Giro d'Italia (una volta  secondo, una volta quarto, una volta settimo),  310 punti al campionato del mondo (una volta primo, due volte secondo, una volta quinto, tre volte ottavo), 200 punti al campionato francese (due volte primo, una volta secondo, due volte terzo), 66 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo, una volta decimo), 90 punti al Giro delle Fiandre (una volta primo, una volta sesto), 228 punti alla Parigi-Roubaix (una volta primo, una volta secondo, una volta terzo, una volta quarto, una volta settimo), 78 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta quarto, una volta settimo, una volta nono), 96 punti al Giro di Lombardia (una volta primo, una volta settimo, una volta nono)110 punti alla Parigi-Tours (due volte secondo, una volta terzo)40 punti alla Parigi-Nizza (una volta primo), 40 punti al Giro del Delfinato (una volta primo), 40 punti al Giro del Lussemburgo (una volta primo), 180 punti al Tour de France 15 vittorie di tappa), 24 punti per vittorie di tappa al Giro d'Italia (due vittorie di tappa)


    Risultati immagini per louison bobet
    Luison Bobet
    5. Laurent Jalabert (Francia): 2.315  punti (1989-2002): 120 punti al Tour de France (una volta quarto), 80 punti al Giro d'Italia (una volta quarto),  300 punti alla Vuelta a Espana (una volta primo, una volta quinto, una volta settimo), 120 punti al campionato del mondo (una volta secondo, una volta sesto, una volta settimo),  50 punti al campionato francese (una volta primo), 120 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo, una volta quarto, una volta nono, una volta decimo), 12 punti al Giro delle Fiandre (una volta nono), 168 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (due volte secondo, una volta quarto, una volta nono, una volta decimo), 90 punti al Giro di Lombardia (una volta primo, una volta ottavo, una volta nono), 54 punti al Giro della Svizzera (una volta secondo), 130 punti alla Freccia Vallone (due volte primo, una volta terzo), 100 punti alla Clasica di San Sebastian (due volte primo), 120 punti alla Parigi-Nizza (tre volte primo), 40 punti al Criterium International (una volta primo), 40 punti al Giro della Catalogna (una volta primo), 40 punti al Giro della Comunità Valenciana (una volta primo), 40 punti al Midi Libre (una volta primo), 40 punti alla Vuelta a Burgos (una volta primo), 40 punti al Tour du Haut Var (una volta primo), 40 punti al Giro dei Paesi Baschi (una volta primo), 40 punti al Giro di Romandia (una volta primo), 40 punti al Giro del Mediterraneo (una volta primo), 25 punti alla Settimana Catalana (una volta primo), 25 punti al Giro delle Asturie (una volta primo), 25 punti alla Route du Sud (una volta primo), 30 punti alla Klasika Primavera (una volta primo), 30 punti alla Coppa Agostoni (una volta primo), 30 punti alla Milano-Torino (una volta primo), 25 punti alla Escalada a Montjuic (una volta primo), 60 punti per vittorie di tappa al Tour (quattro vittorie di tappa), 36 punti per vittorie di tappa al Giro (tre vittorie di tappa), 180 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (diciotto vittorie di tappa)

    6. Laurent Fignon (Francia): 2.305 punti (1982-1993): 970 punti al Tour de France (due volte primo, una volta secondo, una volta settimo), 450 punti al Giro d'Italia (una volta primo, una volta secondo), 160 punti alla Vuelta a Espana (una volta terzo, due volte settimo), 40 punti al campionato del mondo (una volta sesto, una volta ottavo), 50 punti al campionato francese (una volta primo), 120 punti alla Milano-Sanremo (due volte primo), 48 punti alla Parigi-Roubaix (una volta terzo), 108 punti al Giro di Lombardia (una volta quinto, una volta sesto, una volta settimo, una volta ottavo), 80 punti alla Freccia Vallone (una volta primo, una volta terzo), 80 punti al Criterium International (due volte primo), 40 punti alla Settimana Ciclistica Internazionale (una volta primo), 40 punti al Giro dei Paesi Bassi (una volta primo), 135 punti per vittorie di tappa al Tour de France (nove vittorie di tappa), 24 punti per vittorie di tappa al Giro d'Italia (due vittorie di tappa), 20 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (due vittorie di tappa)

    7. Gustave Garrigou (Francia): 2.222 punti (1907-1914): 1.470 punti al Tour de France (una volta primo, tre volte secondo, due volte terzo, una volta quarto, una volta quinto), 140 punti al campionato francese (due volte primo, una volta secondo), 180 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo, due volte secondo, una volta nono), 192 punti alla Parigi-Roubaix (una volta secondo, due volte quarto, una volta settimo, una volta ottavo, una volta nono), 90 punti al Giro di Lombardia (una volta primo, una volta sesto), 30 punti alla Parigi-Bruxelles (una volta primo), 120 punti per vittorie di tappa al Tour de France (otto vittorie di tappa)

    8. Antonin Magne (Francia): 1.965 punti (1926-1941): 1.400 punti al Tour de France (due volte primo, una volta secondo, una volta terzo, due volte sesto, una volta settimo, due volte ottavo), 170 punti al campionato del mondo (una volta primo, una volta secondo), 160 punti al campionato francese (quattro volte secondo), 60 punti alla Parigi-Roubaix (una volta terzo, una volta nono), 40 punti alla Parigi-Tours (una volta secondo), 135 punti per vittorie di tappa al Tour (nove vittorie di tappa)

    9. Bernard Thevenet (Francia): 1.848 punti: 1.070 punti al Tour de France (due volte primo, una volta secondo, una volta quarto, una volta nono), 80 punti alla Vuelta a Espana (una volta terzo), 70 punti al campionato del mondo (una volta quinto, una volta sesto), 50 punti al campionato francese (una volta primo), 84 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta secondo, una volta sesto), 84 punti al Giro di Lombardia (una volta secondo, una volta sesto), 40 punti al Giro di Romandia (una volta primo), 40 punti al Criterium International (una volta primo), 40 punti al Giro della Catalogna (una volta primo), 80 punti al Giro del Delfinato (due volte primo), 40 punti al Tour du Haut Var (una volta primo), 25 punti alla Escalada a Montjuic (una volta primo), 135 punti per vittorie di tappa al Tour de France (nove vittorie di tappa), 10 punti per vittorie di tappa alla Vuelta a Espana (una vittoria di tappa)

    10. André Leducq (Francia): 1.689 punti:  1.060 punti al Tour de France (due volte primo, una volta secondo, una volta quarto, una volta decimo),  100 punti al campionato francese (una volta secondo, due volte terzo), 114 punti alla Parigi-Roubaix (una volta primo, una volta secondo), 40 punti al Criterium (Inter)national (una volta primo), 375 punti per vittorie di tappa al Tour (venticinque vittorie di tappa)

    11. Henri Pelissier (Francia): 1.612 punti: 550 punti al Tour de France (una volta primo, una volta secondo), 130 punti al campionato francese (una volta primo, due volte secondo), 144 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo, una volta secondo, una volta terzo), 42 punti al Giro delle Fiandre (una volta quarto),  216 punti alla Parigi-Roubaix (due volte primo, una volta quinto, due volte sesto),  270 punti al Giro di Lombardia (tre volte primo, una volta secondo, una volta quinto), 50 punti alla Parigi-Tours (una volta primo), 30 punti alla Parigi-Bruxelles (una volta primo), 30 punti alla Milano-Torino (una volta primo), 150 punti per vittorie di tappa al Tour de France (dieci vittorie di tappa)

    12. Jean Alavoine (Francia): 1.383 punti (1908-1925): 800 punti al Tour de France (due volte secondo, due volte terzo, una volta quinto), 100 punti al Giro d'Italia (una volta terzo), 110 punti al campionato francese (una volta primo, due volte terzo), 78 punti alla Milano-Sanremo (una volta quarto, una volta sesto, una volta decimo), 40 punti alla Parigi-Tours (una volta secondo), 255 punti per vittorie di tappa al Tour de France (diciassette vittorie di tappa)

    13. Charly Mottet (Francia): 1.359 punti: 320 punti al Tour de France (due volte quarto, una volta sesto), 150 punti al Giro d'Italia (una volta secondo), 70 punti al campionato del mondo (una volta secondo), 24 punti al Giro delle Fiandre (una volta settimo), 24 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta settimo),  204 punti al Giro di Lombardia (una volta primo, due volte terzo, una volta quinto, una volta nono), 90 punti al Campionato di Zurigo (una volta primo, una volta secondo), 40 punti al Giro del Mediterraneo (una volta primo), 40 punti al Tour du Haut Var (una volta primo), 80 punti al Giro del Delfinato (due volte primo), 80 punti alla Quattro Giorni di Dunkerque (due volte primo), 40 punti al Giro di Romandia (una volta primo), 30 punti al Giro del Piemonte (una volta primo), 60 punti al Giro del Lazio (due volte primo), 30 punti alla Coppa Bernocchi (una volta primo), 45 punti per vittorie di tappa al Tour (tre vittorie di tappa), 12 punti per vittorie di tappa al Giro (una vittoria di tappa), 20 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (due vittorie di tappa)

    14. Louis Trousselier (Francia): 1.316 punti (1902-1914): 560 punti al Tour de France (una volta primo, una volta terzo, una volta ottavo), 70 punti al campionato francese (una volta secondo, una volta terzo), 90 punti alla Milano-Sanremo (una volta secondo, una volta quinto), 288 punti alla Parigi-Roubaix (una volta primo, una volta secondo, due volte terzo, una volta quarto, una volta quinto), 48 punti al Giro di Lombardia (una volta terzo), 80 punti alla Parigi-Tours (due volte secondo), 180 punti per vittorie di tappa al Tour

    15. Raphael Geminiani (Francia): 1.273 punti: 600 punti al Tour de France (una volta secondo, una volta terzo, una volta quarto, una volta sesto, una volta nono), 220 punti al Giro d'Italia (una volta quarto, una volta quinto, una volta ottavo, una volta nono), 140 punti alla Vuelta a Espana (una volta terzo, una volta quinto), 18 punti al campionato del mondo (una volta ottavo, una volta nono), 90 punti al campionato francese (una volta primo, una volta secondo), 60 punti alla Milano-Sanremo (una volta quarto, una volta nono, una volta decimo), 40 punti al Midi Libre (una volta primo), 105 punti per vittorie di tappa al Tour (sette vittorie di tappa)

    16. Lucien Petit-Breton (Francia): 1.247 punti: 920 punti al Tour de France (due volte primo, una volta quarto, una volta quinto), 60 punti alla Milano-Sanremo (una volta primo), 80 punti alla Parigi-Tours (una volta primo, una volta terzo), 40 punti al Giro del Belgio (una volta primo), 30 punti alla Parigi-Bruxelles (una volta primo), 105 punti per vittorie di tappa al Tour (sette vittorie di tappa), 12 punti per vittorie di tappa al Giro (una vittoria di tappa) 

    17. Richard Virenque (Francia): 1.181 punti: 640 punti al Tour de France (una volta secondo, una volta terzo, una volta quinto, una volta sesto, una volta ottavo, una volta nono), 60 punti alla Vuelta a Espana (una volta quinto),  130 punti al campionato del mondo (una volta terzo, una volta quinto, una volta sesto), 70 punti al campionato francese (una volta secondo, una volta terzo), 18 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta ottavo), 66 punti al Giro di Lombardia (una volta quarto, una volta settimo), 50 punti alla Parigi-Tours (una volta primo), 30 punti al Giro del Piemonte (una volta primo), 105 punti per vittorie di tappa al Tour de France (sette vittorie di tappa), 12 punti per vittorie di tappa al Giro d'Italia (una vittoria di tappa)

    18. Jean Stablinski (Francia): 1.118 punti (1953-1968): 270 punti alla Vuelta a Espana (una volta primo, una volta sesto, una volta nono), 191 punti al campionato del mondo (una volta primo, una volta quinto, una volta sesto, due volte nono, una volta decimo), 280 punti al campionato francese (quattro volte primo, due volte secondo), 36 punti al Giro delle Fiandre (una volta quinto), 24 punti alla Parigi-Roubaix (una volta settimo), 48 punti al Giro di Lombardia (una volta terzo), 50 punti all'Amstel Gold Race (una volta primo), 40 punti al Giro del Belgio (una volta primo), 30 punti alla Parigi-Bruxelles (una volta primo), 30 punti al Gran Premio Cantone Argovia (una volta primo), 75 punti per vittorie di tappa al Tour (cinque vittorie di tappa), 24 punti per vittorie di tappa al Giro (due vittorie di tappa), 20 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (due vittorie di tappa)

    19. Roger Pingeon (Francia): 1.014 punti (1964-1974): 710 punti al Tour de France (una volta primo, una volta secondo, una volta quinto, una volta ottavo), 200 punti alla Vuelta a Espana (una volta primo), 24 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta settimo), 60 punti per vittorie di tappa al Tour (quattro vittorie di tappa), 20 punti per vittorie di tappa alla Vuelta (due vittorie di tappa)

    20. Octave Lapize (Francia): 994 punti (1909-1914): 350 punti al Tour de France (una volta primo), 150 punti al campionato francese (tre volte primo), 222 punti alla Parigi-Roubaix (tre volte primo, una volta quarto), 42 punti al Giro di Lombardia (una volta quarto), 50 punti alla Parigi-Tours (una volta primo), 90 punti alla Parigi-Bruxelles (tre volte primo), 90 punti per vittorie di tappa al Tour (sei vittorie di tappa)


    21. Georges Speicher (Francia): 991 punti (1930-1943):  470 punti al Tour de France (una volta primo, una volta sesto, una volta decimo), 140 punti al campionato del mondo (una volta primo, una volta quinto), 180 punti al campionato francese (tre volte primo, una volta terzo), 66 punti alla Parigi-Roubaix (una volta primo, una volta decimo), 135 punti per vittorie di tappa al Tour (nove vittorie di tappa)

    22. André Darrigade (Francia): 938 punti (1951-1966): 240 punti al campionato del mondo (una volta primo, una volta secondo, due volte terzo, una volta quarto), 80 punti al campionato francese (una volta primo, una volta terzo), 78 punti alla Milano-Sanremo (una volta terzo, una volta ottavo, una volta nono), 42 punti alla Parigi-Roubaix (una volta quarto), 36 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta quinto), 120 punti al Giro di Lombardia (una volta primo, due volte sesto), 330 punti per vittorie di tappa al Tour (ventidue vittorie di tappa), 12 punti per vittorie di tappa al Giro  (una vittoria di tappa)

    23. Jean Robic (Francia): 786 punti (1945-1959): 570 punti al Tour de France (una volta primo, una volta quarto, una volta quinto), 42 punti alla Milano-Sanremo (una volta settimo, una volta ottavo), 84 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta terzo, una volta quinto), 90 punti per vittorie al Tour (sei vittorie di tappa)


    Julian Alaphilippe: 398 punti: 5 punti al campionato del mondo (una volta decimo), 48 punti alla Milano-Sanremo (una volta terzo), 54 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta secondo, una volta quarto), 54 punti al Giro di Lombardia (una volta secondo), 130 punti alla Freccia Vallone (una volta primo, due volte secondo), 40 punti al campionato europeo (una volta secondo), 25 punti al Giro della California (una volta primo)

    Thibaut Pinot (Francia): 556 punti: 190 punti al Tour de France (una volta terzo, una volta decimo), 80 punti al Giro d'Italia (una volta quarto), 40 punti alla Vuelta a Espana (una volta settimo), 84 punti al Giro di Lombardia (una volta terzo, una volta quinto), 40 punti alla Settimana Ciclistica Lombarda (una volta primo), 40 punti al Criterium International (una volta primo), 40 punti al Tour of the Alps (una volta primo), 30 punti per vittorie di tappa al Tour (due vittorie di tappa), 12 punti per vittorie di tappa al Giro (una vittoria di tappa)

    Romain Bardet: 681 punti: 480 punti al Tour de France (una volta secondo, una volta terzo, una volta sesto, una volta nono), 114 punti alla Liegi-Bastogne-Liegi (una volta terzo, due volte sesto, una volta decimo), 42 punti al Giro di Lombardia (una volta quarto), 45 punti per vittorie di tappa al Tour (tre vittorie di tappa)

    Nessun commento:

    Posta un commento