giovedì 4 ottobre 2012

I dieci migliori terzini destri della storia

Tocca ai terzini destri, categoria meno omogenea di quella dei portieri, dacché convivono nella classifica che propongo terzini marcatori, come Bergomi o Vogts, e terzini di spinta, di cui il brasiliano Djalma Santos fu il primo straordinario esempio. E' il limite di classifiche del genere, suggestive ma discutibili. Cosa ne pensate?
1. Carlos Alberto
2. Djalma Santos
3. Bergomi
4. Maicon
5. Vogts
6. Thuram
7. Burgnich
8. Suurbier
9. Cafu
10. Gary Neville

22 commenti:

  1. Per quelli che conosco lascia perdere Neville e Thuram. Farei salire di una posizione almeno Maicon, fuoriclasse assoluto.
    Poi inserire Nagatomo al posto di Neville.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maicon è stato ed è grandissimo. L'ho collocato al quarto post soltanto perché ogni tanto si dimenticava di seguire il diretto avversario. Ma, nelle partite cruciali, era immenso.

      Elimina
    2. Secondo me non si possono paragonare Bergomi e Burgnich, che sostanzialmente erano dei marcatori, con Cafu o Maicon, che invece sono stati delle ali aggiunte. Almeno fino alla ai primi anni 90 quasi tutte le squadre giocavano con il libero e il "2" generalmente svolgeva il ruolo di marcatore, mentre il "3" rappresentava il terzino fluidificante. Per quanto riguarda Thuram solo un estimatore di cotechinho può non apprezzarlo. Thuram nasce come difensore centrale e, almeno io, lo ricordo come uno dei pochissimi difensori in grado di fare reparto da solo (insieme a Nesta e Stam) e, cosa ancora più emblematica, di riuscire ad essere efficace senza ricorrere ai falli. Certo se lo vogliamo paragonare come ruolo a Maicon non può reggere il confronto, ma allo stesso modo Maicon non potrebbe essere paragonato a Thuram come "difensore".

      Elimina
    3. Aggiungo, come feci già a proposito di Zenga, che purtroppo la passione calcistica non dovrebbe influenzare certe valutazioni: sia che si parli di marcatori sia che si parli di fluidificanti, Bergomi non può essere in quella posizione.

      Elimina
    4. Bergomi è stato il miglior terzino destro al mondo per un decennio, capitano dell'Inter e della nazionale italiana, con 81 presenze e sei reti, campione del mondo nel 1982 quando fermò il pallone d'oro in carica Rummenigge, terzo ad Italia '90. Subì l'ostracismo di Sacchi e tornò a giocare, questa volta da libero, i mondiali del '98, fermato dalla traversa colta da Di Biagio ai rigori. Bergomi non soltanto era un marcatore eccellente, per senso di anticipo, gioco aereo e pulizia d'intervento, ma sapeva anche crossare molto bene. Ricordo tanti gol di ALtobelli o di Serena nati da sue discesa sulla destra. E' evidente che, in fase di spinta, non vale un Maicon od un Carlos Alberto, ma considerando le due fasi, il suo terzo posto se lo merita tutto. Per fare questa classifica, non mi sono affidato a simpatie calcistiche, ma ai numeri, ai trofei e, più di tutto, alla considerazione generale dei giocatori al loro tempo. Sarà un caso se Bergomi è stato indicato da Pelé nella sua lista dei migliori giocatori del secolo passato? No, non è un caso.

      Elimina
    5. Peraltro, anche Vogts era un marcatore. Ma, insomma, per stilare una classifica del genere, qualche forzatura è necessaria, per evitare distinzioni che la renderebbero impossibile. L'ho scritto in premessa. Né il problema è soltanto storico. I brasiliani hanno avuto sempre terzini di spinta, per esempio, anche negli '50 e '60. Il calcio, però, prevede due fasi. E non c'è terzino che non abbia dovuto difendere. Bale, contro Bergomi, non avrebbe fatto i tre gol che fece. Piuttosto, avrebbe finito la partita anzitempo. Dico questo, per chiarire che Maicon, ad esempio, al momento di difendere aveva frequenti passaggi a vuoto. Bergomi no. Poi, è ovvio che Bergomi non aveva né la corsa né il piede di Maicon. Così come Maicon, di testa, non valeva la metà di Bergomi. E potrei continuare, esemplificando ancora.

      Elimina
    6. Tornando a Bale, per esempio, Bergomi, di intelligenza tattica superiore, non l'avrebbe mai affrontato a campo aperto. L'avrebbe aspettato nei pressi dell'area, costringendolo a spostarsi la palla sul destro. Bale magari un gol l'avrebbe segnato comunque, ma i tre che gli lasciò fare Maicon se li sarebbe sognati.

      Elimina
    7. Ecco, nella classifica, ho cercato di tenere conto di tutto. Non dico di esserci riuscito, ma il ragionamento che ho seguito è del tipo di quello sopra esposto.

      Elimina
    8. Se parliamo di quel tipo di giocatore comunque ritengo che Thuram (142 partite con la Francia migliore di sempre) gli sia stato superiore. Thuram inoltre credo sia stato l'unico difensore che sia riuscito a limitare il Fenomeno nel 98(che fu costretto a segnare... su punizione)

      Elimina
    9. Anonimo, a me dispiace pure smentirti, ma in quella partita Ronaledo segnò solo su punizione, vero, ma Thuram e Cannavaro stanno ancora oggi correndo per il campo cercando il fenomeno. In quella partita ricordo che Ronaldo si portò più di una volta a spasso tutta la difesa, e i due centrali del Parma furono ridicolizzati. Inoltre riguardo a Thuram, quando agiva da terzino, era esclusivamente un marcatore, perchè quando arrivava in fondo non sapeva crossare. E se un terzino arriva sul fondo e non sa crossare, meglio che non ci arrivi proprio. Thuram era soprattutto poderoso, ma tecnicamente non eccelso. Al cenro della difesa, ruolo in cui giocò molti anni, era un ottimo centrale, ma non certo un campione. Insomma, non ci starebbe di sicuro in quella classifica di terzini destri, un Cafù per esempio non merita di stargli dietro, e come centrale ne avrebbe di giocatori davanti.
      Il solo Brasile ne avrà sfornato 10 di terzini più forti, se parliamo di fluidificanti.....se poi parliamo di terzinacci, allora anche il libico, Gentile, meriterebbe per il mondiale dell'82 in cui fermò i migliori attaccanti del momento, Maradona compreso, un posto in classifica.
      Thuram, quando vinse il mondiale, aveva sulla sua fascia Denilson......uno che si marcava da solo.
      Infine anonimo, io starei attento a prendere ancora in giro su Coutinho perchè potresti fare una gran figura di mer....perchè è facile dire "secondo me Ronaldo è forte".....potresti trovarti a rimpiangere tutte queste tue presunte battute.

      Elimina
  2. A mio avviso avrebbero meritato una menzione alcuni terzini eccellenti. Gli italiani Cabrini e Maldini, che vantano un glorioso palmares, ed il tedesco Andy Breme, uno dei più grandi crossatori e battitore di calci d'angoli della storia del football.

    RispondiElimina
  3. chiedo venia, non avevo letto terzini destri...

    RispondiElimina
  4. Eric Gerets è stato un grandissimo, lo ricordo nel Psv campione d'europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gerets potrebbe giocarsela con Neville e con il madridista Chendo.

      Elimina
  5. Ma anonimo, terzino destro con i piedi a ciavatta, che tutti conosciamo e che scrive su questo blog, non entra proprio in classifica?!?!?
    Torricelli e Porrini, in una ipotetica classifica, verrebbero prima o dopo di lui?

    RispondiElimina
  6. a mio modesto parere cafu è stato superiore a maicon, l'unico suo limite è che è arrivato al milan solo a 33 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da juventino occorre inserire j. zanetti l'unico esempio positivo dell'inter morattiana

      Elimina
    2. Zanetti il meglio l'ha dato da mediano, dopo l'arrivo di Maicon, quando, fra il 2006 ed il 2011, ha finalmente trovato il ruolo adatto al suo strapotere atletico.

      Elimina
  7. Cafu primo assoluto per distacco su tutti gli altri solo per il fatto di essere stato l'unico calciatore della storia a disputare 3 finali mondiali consecutive....
    Solo questo lo rende mostruoso perché vuole dire fare almeno 10 anni a livelli assoluti, impossibile ai più....
    Decidano assoluto di presenze nella nazionale più prestigiosa della storia più trionfi prestigiosi tra San Paolo, Roma, Milan...
    Primissimo assoluto
    Poi metto Claudio Gentile al 10 posto invece che Nebulosa, poi direi che ci siamo

    RispondiElimina
  8. Volevo dire RECORDMAN e NEVILLE

    RispondiElimina
  9. Togliendo i primi due in classifica che non ho mai visto giocare, e sui quali quindi sospendo il giudizio. Togliendo pure Suurbier di cui ho un vago ricordo. Posso dire che in questa classifica stride la mancanza di un nome: Mauro Tassotti,il quale, soprattutto ad inizio carriera è stato sottovalutatissimo (C'è da dire che all'epoca in nazionale Bearzot aveva dato un sorta di ostracismo ai giocatori milanisti, basti pensare a Baresi, che posso anche capire, che da giovane dovesse sottostare a Scirea, ma dopo, per ragioni personali e di rapporti con il club, gli furono preferiti in nazionale gente come Tricella o Righetti) Per me superiore ai vari Bergomi, Maicon e Cafu, per completezza. Rispetto a Bergomi è stato migliore tecnicamente, e per longevità di carriera, Bergomi gli era superiore atleticamente. Ma mettendo in un quadro d'insieme io mi prendo Tassotti senza dubbio. Maicon e Cafu (di cui preferisco il secondo) sono stati due grandissimi nel loro ruolo, ma come tutti i brasiliani un po' deficitari in fase difensiva. Vogts e soprattutto Burgnich, appartengono ad un'altra epoca del calcio, in cui nel terzino destro si apprezzava soprattutto la capacità di marcare ad uomo, due autentici mastini, ma per il resto piuttosto ruvidi, in questo quadro gli preferisco decisamente Gentile, che oltre che ad essere un mastino si sapeva proporre con più continuità in avanti. Thuram il meglio di sé l'ha dato da centrale e comunque non lo metterei ai vertici in nessun ruolo. Neville, niente da dire, un buon terzino. Comunque altro nome che dovrebbe stare in classifica, come già ricordato da qualcuno, il belga Gerets

    RispondiElimina