Post in evidenza

Giro d'Italia 2019: i favoriti. Dumoulin si ritira

Giro d'Italia 2019: 11 maggio - 2 giugno Due tra i partenti hanno già vinto la corsa rosa: Nibali , due volte, Tom Dumoulin , una. Ent...

domenica 8 aprile 2018

Parigi-Roubaix 2018: trionfa Sagan. Un campionissimo

Azione solitaria bellissima di Peter Sagan, che si accoda a due dei nove fuggitivi di giornata e costringe gli altri favoriti, da Van Avermaet a Vanmarcke a Gilbert, più attardato,  ad un inutile inseguimento. Con lui, resta, a sorpresa, fino alla fine, il campione nazionale svizzero Dillier, fatalmente battuto in volata nel velodromo di Roubaix. Vince la prima Parigi-Roubaix della carriera, Sagan, la seconda classica monumento, dopo il Fiandre di due anni fa. Proprio oggi, che i favori del pronostico sembravano non essere tutti per lui. Un campione epocale, ormai. Che può chiudere la carriera da campionissimo. Premiato il suo coraggio antico.

7 commenti:

  1. Mettere su peso e muscoli gli ha fatto bene in una corsa dove conta molto la potenza e fin'ora aveva sempre sofferto. Però non so se ne sia valsa la pena fino in fondo contando che altrove ha sempre sofferto, se si esclude la Gand-Wevelgen che però è corsa piuttosto facile dove basta sopravvivere al Kemmelberg e spesso vincono pure i velocisti più puri.
    Spero che ora la lasci perdere la Roubaix e riperda peso, il corridore che abbiamo visto ai tempi della Liquigas quando era 8 kili meno di adesso poteva vincere praticamente ovunque, quello di adesso è assai limitato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettere troppo peso raramente è un bene per un corridore. Bugno perse brillantezza in salita, per voler inseguire Indurain contro il tempo. Non so, tornando a Sagan, cosa voglia fare della sua carriera. Perché ha, avrebbe, il talento per vincere ovunque. Oltre al coraggio ed alla fantasia in corsa. Comunque, concordo, qualche chilo dovrebbe toglierlo. Altrimenti, continuerà a vincere molto, soprattutto in volata. Ma, alcune corse gli saranno precluse. Io, per esempio, vorrei vedergli correre una grande corsa a tappe con ambizioni di classifica.

      Elimina
  2. Intanto, vediamo cosa combina Sagan all'Amstel Gold Race.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende come corrono, se esplode la corsa a 50 km dall'arrivo con gruppetti sparpagliati in ogni dove come lo scorso anno non ha speranze, con corsa dura è saltato perfino ad Harelbeke che di salita ne ha assai meno.
      Se vanno invece conservativi e lo portano in carrozza nel finale magari li batte tutti in volata, nelle Ardenne ormai non è strano che nessuno si muova, la Liegi ormai è una volata di gruppo da diversi anni, la Freccia uguale con la differenza però che c'è il muro di Huy quindi pure 500 metri di volata fanno discreti distacchi.

      Elimina
    2. E' vero, corse delle Ardenne bloccate ultimamente. Però, Sagan corre meglio, tatticamente dico, di qualche anno fa. Quando sbagliava spesso i tempi di attacco. Mi pare che, nelle giornate di forma, vinca molto più di prima.

      Elimina
    3. Come numero di vittorie più o meno viaggia sempre sulle 10/15 l'anno, più che altro è diventato meno spettacolare (prima di domenica era dalla Sanremo dello scorso anno che non attaccava) e tende ad aspettare ma penso sia dovuto soprattutto al fatto che va meno in salita e meglio in volata rispetto a qualche anno fa.

      Io comunque preferisco tutta la vita come era qualche anno fa, lo ricordo ancora giovanissimo scattare in faccia a Contador alla Parigi-Nizza o fregare Cunego al Giro di Svizzera dopo un tappone alpino, ogni volta che lo vedo staccarsi insieme a corridori come Kittel e fare gruppetto ripenso malinconicamente a quei tempi.

      Molti dimenticano che a inizio carriera era capace di fare classifica, a 20 anni fece 16° alla Parigi-Nizza, 12° al Romandia, 8° al California, a 21 ha vinto il Giro di Polonia staccando tutti nella tappa di montagna e il Giro di Sardegna (che ora non esiste più) arrivando quarto sull'arrivo in salita, fissarsi solo sulle corse del pavé e sulle volate è stato uno spreco, a me sembra pure peggiorato a cronometro oltre che in salita.

      Elimina
    4. Infatti, sono del parere che Sagan potrebbe far bene, a patto di volerlo e di allenarsi in modo specifico, anche nelle gare a tappe. Perché possiede un grande fondo. Naturalmente, dovrebbe alleggerirsi. Credo che, a 28 anni, potrebbe ancora esplorare questa possibilità.

      Elimina